Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Esteri News - Il Notiziario della Diplomazia - 23 ottobre 2008

 

Esteri News - Il Notiziario della Diplomazia - 23 ottobre 2008

Mariangela Pira. Bentornati a Esteri News. Subito, con il nostro sommario, le notizie principali di questa edizione.

II Forum fot the Future. La partecipazione del Ministro degli Esteri Franco Frattini al Foro per il Futuro di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi e la sua missione in Pakistan.

Il Progetto Unitalia. La prima iniziativa italiana volta a favorire la collaborazione tra Istituzioni universitarie italiane e cinesi.

Comunicare la politica estera.  Questo il motto del Ministero Affari Esteri per la partecipazione al Com.Pa 2008, il Salone europeo della comunicazione pubblica dei servizi ai cittadini e alle imprese.

Gli appuntamenti esteri
I prossimi appuntamenti della Farnesina saranno il Tavolo di coordinamento per lo sviluppo delle relazioni tra Italia e Israele e la Collezione Goldman a Chicago.


Forum for the future
Parliamo del Forum for the Future svoltosi ad Abu Dhabi negli Emirati Arabi il 18 e 19 ottobre scorsi. La quinta edizione dell’evento ministeriale del partenariato G8 – BMENA  e quindi il Broader Middle East and North Africa,  avviato al  Vertice di Sea Island  nel 2004, prosegue nell’intento di promuovere il processo delle riforme democratiche e del progresso  economico e sociale nei Paesi del Grande e Medio Oriente.
“Ci impegniamo”, ha assicurato il Ministro degli Esteri Frattini al termine dei lavori, “a che questo Foro possa continuare a lavorare” e come segno tangibile di questa volontà è stato deciso che l’Italia, in veste di futuro presidente di turno del G8, copresiederà insieme al Marocco la prossima riunione del Foro nel 2009 in una località marocchina ancora da stabilire.
Franco Frattini da Abu Dhabi è poi volato nella capitale pakistana per portare il sostegno dell’Italia al processo di riforme democratiche avviate dal Presidente, Asif Ali Zardari, e dal Premier, Yusuf Raza Gillani.

Le notizie di oggi

Interscambio Italia-Ucraina
L’interscambio Italia-Ucraina ha registrato nei primi sette mesi del 2008  una crescita del 19% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno per un totale di 3,16 miliardi di dollari americani. Nell’intero 2007 era stato di 4,4 miliardi. L’Italia è il primo paese importatore e il terzo esportatore dopo la Germania e la Polonia. I motivi della progressione dell’export italiano in Ucraina sono l’espansione della domanda interna dei beni, l’incremento degli investimenti delle imprese in capitale fisso e la crescita nel settore del commercio.
Buona anche la crescita di settori quali i prodotti chimici di base e farmaceutici; sono presenti aziende come Menarini e Ricordati. Le importazioni italiane sono costituite principalmente da materie prime e semilavorate per l’industria: oli, grassi vegetali ed animali, prodotti agricoli, conserve e carne; insomma si tratta in prevalenza di input di produzione che le nostre aziende acquistano in Ucraina per la successiva lavorazione e vi raccomando di fare anche attenzione in riferimento al sito internet www.ambkiev.esteri.it: è il sito  dell’Ambasciata appunto in Ucraina.

Progetto Unitalia
Alla Farnesina è stato presentato il progetto Unitalia: la prima iniziativa italiana volta a favorire la collaborazione tra Università  italiane e cinesi. Questo progetto è gestito dalla Fondazione Italia-Cina e finanziato congiuntamente con la Fondazione Carialo, finanziamento pari a 2 milioni di euro.
L’obiettivo è quello di attrarre studenti cinesi nel nostro Paese attraverso la promozione delle opportunità offerte dal sistema universitario italiano. La diffusione della lingua e della cultura italiana negli atenei cinesi, la promozione e valorizzazione della formazione universitaria e post-universitaria italiana, l’accoglienza e assistenza agli studenti cinesi nelle università italiane. In Italia ci saranno così laureati cinesi che potranno costituire qualificate risorse umane per le aziende italiane che operano in Cina e per le aziende cinesi che operano in Italia.
Un padiglione Unitalia sarà presente al China Education Exhibition la principale manifestazione dedicata alla formazione in Cina iniziata il 18 ottobre e presente fino al 2 novembre con tappe a Pechino, Shanghai, Canton e Nanchino; hanno partecipato alla presentazione Cesare Romiti, Presidente della Fondazione Italia-Cina, al quale abbiamo chiesto come mai appunto l’idea di questo progetto e Giuseppe Guzzetti, Presidente della Fondazione Cariplo, che ci ha spiegato perché finanziare un progetto come questo. Le interviste di Janina Landau.

Cesare Romiti. Il punto di forza principale è l’arretratezza dell’Italia negli scambi appunto studenteschi fra la  Cina stessa e l’Italia. Abbiamo oggi in Italia circa 1.600 -1.700 studenti contro 100.000 in Gran Bretagna, 40.000 in Germania. Gli studenti significano classe dirigente del paese fra qualche anno, e avere nella classe dirigente cinese delle persone che conoscano l’italiano, conoscano l’Italia e  le sue istituzioni è molto importante

Janina Landau. Che tipo di supporto avete avuto dal Ministero degli Esteri

Cesare Romiti. Il Ministero degli Esteri ci ha assistito perché  abbiamo utilizzato la rete consolare italiana in Cina e la riutilizzeremo ancora perché si possa diffondere negli studenti questo programma e abbiamo avuto poi tutta l’assistenza che deve dare adesso per quanto riguarda i visti, per quanto riguarda tutta l’introduzione, e poi era un’assistenza che riguardava soprattutto il fatto che il Ministero degli Esteri  era completamente soddisfatto che un programma del genere potesse nascere.

Giuseppe Guzzetti. Innanzi tutto il fatto che un progetto dedicato a giovani studenti, giovani  cinesi  che vogliono venire in Italia a frequentare le nostre Università e poi ritornare in Cina; siccome è da ritenere che questa sarà la classe dirigente cinese del futuro è bene che conoscano l’Italia, le nostre attività, le nostre istituzioni, si rafforzino questi rapporti sul piano culturale, sociale ed economico fra noi ed un Paese così importante sul piano mondiale; fra poco, dicono che sarà il primo Paese dal punto di vista economico, quindi è bene che questi rapporti si stabiliscano a partire dai giovani e dalla classe dirigente.

Mariangela Pira. Mercoledì 24 settembre è stata inaugurata ad Atene alla presenza del Presidente della Repubblica italiana ed ellenica,  Napoletano e  Papoulias, la mostra d'arte "Da Tiziano a Pietro da Cortona: il sacro, il mito, la poesia...". L’esposizione che resterà aperta fino a dicembre, ospitata nei locali  del Museo di Arti Cicladiche e mostrerà al pubblico numerosi capolavori di Tiziano, tra cui La Maddalena Venere, e poi San Giacomo in cammino, Ultima Cena e Cristo flagellato. Accanto alle opere del Maestro veneziano, ci saranno i lavori di Pietro da Cortona, Annibale Carracci, Jacopo Ligozzi, Giovanni Contarini, Padovanino, Piero Bonato e Jacopo Piccini. L'evento, di alto livello artistico è stato  salutato da positivi  apprezzamenti di critica; è stato organizzato dall'Ambasciata d'Italia in stretta collaborazione con il Museo d'Arti Cicladiche di Atene e si svolge sotto l'Alto Patronato dei Presidenti della Repubblica italiana ed ellenica.

Canale Diplomatico

Mariangela Pira. “Comunicare la politica estera”:  questo è il motto adottato dal Ministero degli  Affari Esteri per la partecipazione al Com-Pa 2008, il  Salone Europeo della Comunicazione Pubblica dei servizi al cittadino e alle imprese, che quest’anno si è tenuto dal 21 al 23 ottobre presso la Fiera di Milano-Rho.  Il MAE è stato protagonista anche quest’anno con un  suo stand, presso il quale i cittadini e le imprese hanno ricevuto informazioni sulle principali attività di comunicazione e sui servizi offerti dalla Farnesina. Il programma completo dell’iniziativa lo potrete trovare  sul sito www.esteri.it . Sentiamo dal Capo Servizio Stampa della Farnesina, Pasquale Ferrara come mai il Ministero degli Affari Esteri è presente al Com-Pa.

Pasquale Ferrara. Noi ci rendiamo sempre più conto che la politica estera è qualcosa che attiene alla vita quotidiana dei cittadini, ad esempio basti pensare alla consultazione del sito soprattutto per quel che riguarda l’Unità di Crisi, quando i cittadini italiani programmano una visita o una vacanza all’estero. Sapere com’è la situazione nel Paese in cui ci si troverà da lì a pochi giorni è fondamentale anche per poter usufruire al meglio di questa possibilità. Questo è solo uno degli esempi. Noi riteniamo che il nostro compito, in questo momento, sotto il profilo della comunicazione è quello di spiegare in modo più chiaro e trasparente possibile ai cittadini che la politica estera è qualche cosa che riguarda la nostra vita quotidiana, quindi non è un campo dedicato solamente agli specialisti ma è un settore di cui tutti possono trarre vantaggio, non solo i cittadini come dicevo prima ma anche ad esempio tutto il Sistema Italia, il Sistema Paese a cominciare dalle imprese.

Mariangela Pira. Durante il Com-Pa abbiamo presentato insieme il progetto Esteri News, come potete vedere nelle immagini, durante il Convegno “Comunicare la politica estera ai cittadini -Esteri News -  il notiziario della diplomazia italiana” cui ha partecipato anche Ruben Razzante docente di diritto dell’Informazione all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Abbiamo chiesto al Professor Razzante come mai è così difficile per i giornalisti comunicare di politica estera.

Ruben Razzante.  E’ difficile comunicare bene perché e difficile padroneggiare alcuni linguaggi, quello della politica estera è particolarmente complesso, presuppone delle conoscenze in materia di relazioni internazionali, di diritto dell’Unione Europea, altre discipline che si studiano poco e male all’Università e che non si studiano per nulla nelle scuole di giornalismo o quasi per nulla. Io direi che il primo passo dovrebbe essere quello di promuovere anche da parte dell’Ordine dei giornalisti una conoscenza maggiore della politica estera all’interno delle scuole, anche attraverso corsi per chi è già professionista e si deve occupare di questi temi e spesso è sprovvisto di quegli strumenti culturali che gli consentirebbero di comunicarli bene.

Mariangela Pira. Nell’ambito del premio alla pubblica amministrazione, che si vede, al MAE ed in particolare ad Esteri News è stata attribuita una menzione speciale per il video sulle attività dell’Unità di Crisi che abbiamo  realizzato con il Servizio Stampa della Farnesina. Nelle immagini vedete la premiazione al Consigliere Giuseppe Scognamiglio. Tra i vari appuntamenti che hanno visto il MAE protagonista all’interno del Com-Pa è stata anche presentata la banca dati per le candidature internazionali e ne abbiamo parlato con Cristiano Musillo dell’Ufficio Stampa e Informazione della Farnesina.

Cristiano Musillo. La banca dati per le candidature internazionali è un servizio offerto dal Ministero degli Esteri ai cittadini che sono intenzionati a intraprendere una carriera internazionale, e quindi che si devono comunque ben districare all’interno della miriade di Organizzazioni internazionali che pubblicizzano dei posti importanti per l’Italia. Dai posti più apicali di livello più elevato ai posti, diciamo, anche di considerevole importanza.
Il Ministero degli Esteri quindi fa sì di selezionare alcuni posti vacanti nelle Organizzazioni internazionali e presentarli adeguatamente, valorizzandoli adeguatamente, ai cittadini che ne sono interessati.
I cittadini possono anche, comunque, iscriversi, scrivere il proprio curriculum vitae, e quindi essere chiamati per una attività di sostegno che l’Ufficio per le risorse umane del Ministero degli Esteri fa in maniera molto puntuale, prova ne sia il fatto che noi siamo presenti dal punto di vista dell’apporto del capitale umano nelle Organizzazioni internazionali in tantissime e tantissime importanti Organizzazioni: basti citare la Nato, o come le Nazioni Unite, nelle varie sfaccettature,  l’Unione Europea, mi sovviene dalle posizioni più apicali come il Vice Segretario Generale della Nato, o al Presidente del Comitato militare della Nato, o al Rappresentante per il Kossovo, su indicazioni del Segretario Generale delle Nazioni Unite. Ecco sia a questi livelli, che sono quelli più alti, sia quelli medi, o minori, sono invece molto rilevanti per l’Italia che, appunto, contribuisce non soltanto dal punto di vista finanziario, ma anche dal punto di vista del capitale umano altamente qualificato.

Appuntamenti Esteri
Mariangela Pira. Siamo qui, questa volta, in una location differente, siamo all’interno del Com-Pa con il Consigliere Giuseppe Scognamiglio, del Servizio Stampa Mae, grazie per essere qui; e parliamo subito del primo appuntamento importante che la Farnesina seguirà.

Giuseppe Scognamiglio. Grazie a lei, finalmente possiamo interagire direttamente. Innanzitutto questo tavolo di coordinamento tra Italia e Israele, il 23 di ottobre, che sarà presieduto dal Ministro Frattini: si tratta, evidentemente, di un momento importante nell’ambito delle forti, intense relazioni che ci sono tra Italia e Israele. A luglio di quest’anno era stato lanciato il dialogo strategico tra di due Paesi. Un dialogo che l’Italia avvia proprio con quei Paesi, quegli alleati ritenuti fondamentali.
Questo tavolo di coordinamento ha lo scopo di creare sinergie nell’azione tra gli Enti pubblici e privati, che eseguono programmi di collaborazione con lo Stato ebraico.
Tra le prime cose di cui si discuterà c’è la missione di sistema, ovvero governo e imprese che, verrà realizzata alla fine di novembre, ma più in generale tutta la programmazione strategica della collaborazione tra i due paesi; di cui vorrei sottolineare esiste una forte complementarietà tra il nostro sistema industriale, flessibile, e la capacità di innovazione, molto propria di Israele, soprattutto nel campo della ricerca e dell’ambiente.

Mariangela Pira. Il secondo appuntamento invece riguarda la collezione Goldman, ma ci spieghi lei di che cosa si tratta.

Giuseppe Scognamiglio. Si, a Chicago, con la collaborazione dell’Istituto italiano di cultura, è stata organizzata questa grande mostra di disegni, sono 130 disegni che appartengono, appunto, alla collezione Goldman, e si tratta di un escursus nell’arte italiana, a partire dal Rinascimento fino al Barocco, al grande Barocco romano.
La grande opportunità dei visitatori è di poter confrontare questi disegni, uno vicino all’altro, con le bozze, quindi con un confronto che esalta la capacità progettuale. Credo quindi che se vi trovate a passare per Chicago un salto lo merita decisamente.

Le Opportunità
Mariangela Pira. Eccoci giunti allo spazio dedicato alle opportunità più interessanti offerte dal Ministero degli Affari Esteri. Nel sito internet, in sovrimpressione, potete vederle voi stessi nella sezione Opportunità.
Troverete informazioni, anticipazioni, utili per le imprese italiane che operano all’estero su: bandi, gare d’appalto e grandi progetti nei diversi paesi del mondo, ma anche link alle occasioni di stage, borse di studio estere per la formazione dei nostri giovani e le opportunità per accrescere la propria professionalità in ambito internazionale.
Visitando il sito conoscerete le modalità per usufruire di questi servizi, e se volete potete iscrivervi nell’area interattiva del sito alla Newsletter o anche al servizio gratuito sms, in modo da essere costantemente aggiornati.
Tra le molte opportunità offerte, questa settimana ne segnaliamo alcune: 1 posto di esperto come addetto scientifico presso l’Ambasciata d’Italia a Brasilia, della durata di due anni, con scadenza 8 novembre 2008. Le candidature, unitamente alla fotocopia di un documento di identità e al curriculum vitae, redatto in italiano, con indicazione dei dati anagrafici, dell’attività professionale scientifica, con dichiarazione del livello di conoscenza delle lingue, dovranno essere spedite, per posta, al Ministero degli Affari Esteri, DGPCC – Ufficio V – Piazzale della Farnesina, 1 – 00194 Roma. C’è anche un numero di telefono, al quale potete fare riferimento è: 06 36912735, oppure 06 36914057, così come vedete anche in sovrimpressione.
Un altro annuncio è quello di 3 nuovi avvisi di gemellaggi amministrativi nella Repubblica Ceca, tutti con scadenza 3 novembre 2008, nella sezione Transition facility: Rafforzamento dell’Amministrazione della Sicurezza Sociale, in particolare in materia pensionistica e legislativa, miglioramento del sistema di trattamento dei rifiuti, verso una prospettiva ambientale, capacity building, presso il centro di valutazione ambientale Environmental Information Agency e le proposte dovranno giungere entro la data di scadenza e in formato elettronico word, all’indirizzo twinnings@esteri.it .
Vi ricordo che per ulteriori informazioni potete sempre fare riferimento al nostro sito internet: www.esteri.it, per rivedere questa puntata, o per vedere, anche, l’archivio delle puntate di Esteri News.
Vi ringrazio per l’attenzione e vi do l’appuntamento alla prossima settimana. Arrivederci.


663
 Valuta questo sito