Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Esteri News - Il Notiziario della Diplomazia Italiana - 09 aprile 2009

 

Esteri News - Il Notiziario della Diplomazia Italiana - 09 aprile 2009

Mariangela Pira. Bentornati a questa puntata di Esteri News. Quest’oggi parleremo di:

Il Ministro Frattini in Libano e Siria
Medio Oriente: il Ministro Frattini in Libano e Siria. Al centro dei colloqui con le Autorità locali, i temi regionali e la presenza italiana con la missione Unifil.

Forum di Istanbul: “Alliance of Civilization”
Promuovere il dialogo tra fedi e culture: su questo tema si è svolto ad Istanbul il Forum Alliance of Civilization, cui ha partecipato il Sottosegretario agli Esteri Stefania Craxi. 


I nuovi spot dell’Unita’ di Crisi
Il Servizio Stampa della Farnesina ha realizzato una serie di otto minispot sul servizio “dovesiamonelmondo” dell’Unita’ di Crisi. Siamo andati ad assistere al lancio dell’iniziativa e ad intervistare l’attore Roberto Andreucci, che negli spot interpreta il ruolo dell’intervistatore

La scienza al centro del G8
Proseguiamo con gli approfondimenti in vista del summit del G8 alla Maddalena. Questa settimana abbiamo seguito per voi il “G8 della scienza”.


La copertina di oggi

Mariangela Pira. La missione del Ministro Frattini in Libano e Siria. Al centro dei colloqui i principali temi regionali legati soprattutto alle  imminenti elezioni libanesi ma anche  il ruolo del nostro Paese nell’area mediorientale. Sentiamo un commento sugli esiti della missione del Ministro e sul ruolo che l’Italia svolge  come peacekeeper in Libano, con il capo Servizio Stampa della Farnesina Maurizio Massari, intervenuto telefonicamente da Damasco.

Missione in Libano e Siria
Maurizio Massari- Capo Servizio Stampa MAE.
La missione aveva l’obiettivo di ribadire il ruolo regionale dell’Italia in Medio Oriente per favorire un processo di pace e di riconciliazione, abbiamo scelto il Libano ovviamente perché alla vigilia delle elezioni Parlamentari del 7 giugno, il Libano costituisce  un po’ un test case delle prospettive di riconciliazione  nazionale. Quindi abbiamo espresso un messaggio molto chiaro del nostro auspicio affinché queste elezioni possano svolgersi in maniera democratica e senza interferenze esterne e possano porre le premesse per una riconciliazione anche con i Paesi vicini in particolare Libano-Siria e  Libano-Israele tenendo presente in tutto questo che tra Libano e Siria è già in atto un processo di riavvicinamento molto incoraggiante per quanto riguarda la ripresa delle relazioni diplomatiche che però dovrà essere consolidato e completato. La Siria, abbiamo trovato negli interlocutori siriani una disponibilità alla ripresa del dialogo anche con il Libano si sono riattivate le relazioni diplomatiche tra i due Paesi come dicevo e anche come segnale interessante le Fattorie di Sheba’a che poi dovrebbero essere restituite al Libano c’è un riconoscimento da parte siriana, questo è un punto importante che le Fattorie appartengano al Libano.

Le notizie di oggi

COSMO E SKYMED: FIRMA SATELLITARE
Mariangela Pira.
COSMO-SkyMed dove Cosmo sta per Costellazione di piccoli satelliti per l’osservazione sul Mediterraneo è il primo sistema duale -civile e militare- di piccoli radar per l’ osservazione terrestre, è promosso dal Ministero della Difesa italiano ed è  realizzato dall’ Agenzia Spaziale Italiana e da Telespazio. Ne parliamo qui ad Esteri News poichè il Ministero degli Affari Esteri  sostiene  la commercializzazione all’estero di prodotti ad uso civile: recentemente il Ministro Frattini e quello dell’Istruzione Gelmini hanno espresso soddisfazione per la firma da parte della società che gestisce i satelliti COSMO-SkyMed di un contratto da 180 milioni di euro con la lussemburghese 4C Satellite, per la distribuzione in MedioOriente e Sud Est Asiatico di prodotti satellitari per l’Osservazione della Terra. Questo progetto competitivo nel mercato internazionale per  la gestione delle risorse naturali, la pianificazione del territorio ma anche  la prevenzione delle emergenze ambientali testimonia ancora una volta l’eccellenza dell’industria italiana.

Il Forum ‘Alliance of Civilization’ ad Istanbul
Mariangela Pira.
Spesso si fa fatica ad avviare un dialogo con persone di diversa, religione, etnia, cultura, ovunque ma  anche nel nostro Paese. Proprio su questo tema si è svolto il secondo forum sul dialogo tra fedi e culture della cosiddetta “Alliance of Civilizations” (Alleanza delle Civiltà) che si è svolto ad Istanbul il 6-7 aprile, presente per l’Italia il  sottosegretario Stefania Craxi. L’Alleanza delle Civiltà, nata nel 2004, è un’iniziativa in ambito ONU che si propone di favorire il dialogo e la conoscenza reciproca tra le diverse culture con  un focus particolare  sulle relazioni tra mondo occidentale ed islamico soprattutto sull’ educazione, sui media, sui giovani e sulle migrazioni. Ebbene, il Sottosegretario Craxi ha parlato  della disponibilità italiana a dare contenuti concreti alla collaborazione tra Unione del Mediterraneo e Alliance of Civilizations, coinvolgendo le principali città nel Mediterraneo. Per favorire questo dialogo, l’Italia organizzerà in autunno, a Reggio Calabria, un convegno dei sindaci delle città costiere mediterranee.

“Settecento Veneziano” a Madrid
Mariangela Pira.
Avete mai ammirato Tiepolo, Canaletto e Ricci in una stessa mostra? Bene,  se vi trovate in Spagna fino al 7 giugno è possibile farlo con la Mostra: “Settecento Veneziano: dal Barocco al Neoclassicismo”. Una mostra che nasce da un’idea dell’Ambasciata italiana a Madrid per riunire le opere più importanti dei principali esponenti del “Secolo d’Oro” della pittura veneziana. Da “Il Trionfo di David”  di Gaspare Diziani, a “Diana e le ninfe al bagno” di Jacopo Amigoni, a “Rinaldo e Armida” di Gian Battista Tiepolo sono ben 52 le tele dei grandi artisti veneziani. La mostra, dopo Madrid, sarà esposta a Siviglia.


Cooperazione:Ospedale di Herat è già in funzione
Mariangela Pira.
Ricordate di quando a fine febbraio abbiamo parlato della Cooperazione Italiana ad Herat? Tra gli altri progetti vi avevamo descritto quello sull’ospedale pediatrico nella città afgana, ebbene non era ancora stato inaugurato. Adesso,  pienamente in funzione e punto di riferimento per le donne prossime al parto e   per i neonati e i bimbi con problemi gastrointestinali, una delle malattie che più incidono sull’elevato tasso di mortalità per i bambini afgani. L’ospedale è un passo avanti affinché anche i bambini di quel Paese possano ricevere le cure necessarie grazie alla strumentazione italiana fornita dalla Cooperazione italiana del  Ministero degli Affari Esteri.   


Canale Diplomatico

I nuovi spot dell’Unità di Crisi
Mariangela Pira.
E avete visto che nel sito del Ministero degli Esteri  è possibile vedere i nuovi spot realizzati dal Servizio Stampa della Farnesina e dedicati a “dovesiamonelmondo” servizio dell’Unita’ di Crisi. Ebbene, siamo andati con Janina Landau a curiosare e a partecipare al lancio di questa iniziativa e ad intervistare Roberto Andreucci, che all’interno degli  spot fa il ruolo, svolge il  ruolo dell’intervistatore. Sentiamo

Janina Landau. Ci ritroviamo con Roberto Andreucci, l’attore che ha interpretato lo spot “dovesiamonelmondo”
Roberto Andreucci. Sei iscritta a “dovesiamonelmondo”?
Janina Landau. No, tu?
Roberto Andreucci. Che aspetti, scusa
Janina Landau. Tu?
Roberto Andreucci. Io sono iscritto a “dovesiamonelmondo” da pochi giorni però  sono iscritto. Tu no.
Janina Landau. Perché non parto. Detto questo: com’è nata l’idea di questo spot?
Roberto Andreucci. Ma, io e la prima volta che faccio delle cose di pubblico utilizzo, diciamo di comunicazione sociale, è nata perché questo sito molto importante perché di pericoli nel mondo ce ne sono spesso e volentieri tanti e quindi divulgare questa informazione di questo servizio molto importante che la Farnesina ha messo in piedi mi è sembrato doveroso da parte di un attore piccolo come sono io comunque,  anche se di stazza molto grossa, dare una mano al Ministero, al Ministro che saluto cordialmente che so mi ha ringraziato durante la conferenza stampa, dove non ho potuto esserci e mi dispiace moltissimo, ahimé  bloccato in un aeroporto,ironia della sorte, quindi niente, sono stato molto, molto contento, l’idea di farlo all’aeroporto perché abbiamo fatto uno spot reality, abbiamo fermato le persone vere, quelle che partivano davvero, non erano comparse, erano personaggi beccati lì al volo e che hanno accettato volentieri di fare questo.
Janina Landau. Senti ci racconti qualche curiosità? Cosa è successo al di là di quello che abbiamo visto.
Roberto Andreucci. A parte io vestito di arancione, grosso così, insomma qualcuno si è spaventato quando mi ha visto avvicinarmi, a parte quello molti altri, invece, sono stati molto disponibili, la prima intervista fatta io mi aspettavo un no  alla domanda: “lei conosce il sito dovesiamonelmondo”? la primissima intervista lei mi fa: “Si, mi sono iscritta questa mattina” ma come in realtà doveva essere il contrario, è stato bellissimo. Mi raccomando: dovesiamonelmondo.it, fatelo anche voi. Ciao
Janina Landau. Grazie

Franco Frattini – Ministro degli Esteri. Viaggiare sicuri per sapere quali sono i paesi e le regioni di ciascun paese dove non è il caso di andare. poi, certamente, “dove siamo nel mondo”, dove ognuno volontariamente, si può registrare, e noi gli manderemo sul suo cellulare, anche satellitare, tutte le informazioni su eventuali incidenti, rischi di colpi di Stato, problemi geologici, metereologici, situazioni di crisi. Gli diremo esattamente dove andare per evitare ogni problema. Al ritorno i suoi dati saranno automaticamente cancellati, a tutela della privacy.

G8 – SUMMIT 2009
Il G8 della Scienza

Mariangela Pira. Lo stato di salute del nostro pianeta è un tema che ci riguarda tutti, e influenza le nostre vite nel quotidiano. Temi come l’emigrazione, l’energia, i cambiamenti climatici, sono temi molto importanti, e qualora la situazione peggiorasse in futuro ne saremo ulteriormente influenzati.

Jean Salençon – Accademia delle Scienze di Francia. La sfida più importante, come ha visto dai commenti degli scienziati questa mattina è rappresentata dal cambiamento climatico, dal riscaldamento globale ed è stato dimostrato che questo cambiamento accade più velocemente di quanto prevediamo. Occorre fare attenzione anche ai limiti per le emissioni di ossido di carbonio.

Mariangela Pira. Il G8 delle Scienze si è tenuto a Roma il 26 e il 27 marzo, ed è stato promosso dall’Accademia Nazionale dei Lincei. Dopo i saluti del Presidente dell’Accademia, Giovanni Conso e del Vicepresidente, Lamberto Maffei e dei Ministri degli Esteri, Franco Frattini e dei Beni Culturali, Sandro Bondi, sono iniziati i lavori con due riunioni in contemporanea a porte aperte, dedicate rispettivamente alle nuove tecnologie per l’energia e alle migrazioni. Solo il 27 la seduta è rimasta a porte chiuse perché riservata alle delegazioni.
Il Vertice, chiamato G8 delle Scienze, si è riunito a Roma per individuare le più gravi emergenze che colpiscono il nostro pianeta e le possibili strategie di intervento. Il risultato sarà un documento con delle linee guida, che sarà presentato ai leader e ai Capi di Stato che si riuniranno in sede G8 alla Maddalena, a luglio. Per informarli circa lo stato di salute del nostro pianeta, in vista delle importantissime decisioni che dovranno prendere. Ovviamente, gli scienziati daranno la loro opinione da un punto di vista strettamente scientifico.

Ralph J. Cicerone – Accademia delle Scienze USA. Il problema è dovuto al cambiamento climatico, sta crescendo e diventando sempre più importante, è stato causato soprattutto dall’utilizzo di energia, dall’uso di petrolio, carbone, benzina e gas naturali. Dobbiamo ridurre la quantità di ossido di carbonio che lasciamo nell’aria quando bruciamo tutti questi carburanti, quindi abbiamo bisogno di nuove fonti di energia ma prima di trovarle dobbiamo riuscire nell’essere più efficienti.

Mariangela Pira. In vista del Summit di luglio, lei pensa i politici siano volenterosi per ascoltare e poi risolvere questi problemi?

Ralph J. Cicerone – Accademia delle Scienze USA. Io penso ne abbiano la volontà ma è responsabilità degli scienziati far loro capire il problema in particolare quali sono le vere sfide di fronte a noi.

Appuntamenti Esteri
L’Agenda della Settimana
Conferenza “Overcoming Nuclear Dangers” (Roma, 16-17 aprile)

Janina Landau. Ci troviamo in compagnia di Carlo Schillaci, Funzionario del Servizio Stampa della Farnesina, al quale chiediamo quale appuntamento seguiremo la prossima settimana con particolare interesse.

Carlo Schillaci – Capo Uff. III Serv. Stampa MAE. Dopo la festività pasquale il Ministro Frattini ha in agenda un appuntamento di considerevole importanza e significato, si tratta di una Conferenza, che si svolgerà alla Farnesina, giovedì 16 e venerdì 17 aprile, ed è intitolata “Overcoming Nuclear Dangers”, titolo volutamente lasciato in inglese, capiremo subito perché, dalla traduzione abbastanza ovvia, cioè: avere ragione, vincere, superare i pericoli nucleari. E’ un titolo sintetico che rende molto bene, però, l’idea dell’evento. Questa Conferenza è stata organizzata nel contesto delle iniziative della Presidenza italiana del G8, ed è stata organizzata dal Ministero degli Affari Esteri, in collaborazione con la NTI, “Nuclear Threat Initiative”, che è un’associazione americana e con il World Political Forum, che è una Ong, fondata in Piemonte da Mikhail Gorbaciov, ex Presidente, ultimo Presidente dell’Unione Sovietica.
La Nuclear Threat Initiative è un’associazione che in realtà ha creato una costola specifica che si chiama “Nuclear Security Project”. E’ una costola che è composta dai cosiddetti quattro saggi americani che hanno dedicato un impegno, un’attenzione particolare al tema del disarmo nucleare, si tratta di due Segretari di Stato Schultz e Kissinger. Schultz verrà a Roma, Kissinger non può venire. Un ex Segretario alla Difesa che è William Perry e un Senatore, un ex Senatore in realtà, ma è stato Senatore per tantissimi anni che è Sam Nunn. A Nunn, Pery e Schultz si unirà anche Gorbaciov e il Ministro Frattini presiederà la Sessione di apertura, la Sessione di chiusura, quindi parliamo del mezzogiorno di giovedì all’apertura, la chiusura sarà alla stessa ora del venerdì e sarà seguita poi da una Conferenza stampa finale il cui panel sarà composto da tutti i partecipanti alla Conferenza.
La Conferenza si ripromette di approfondire alcuni temi chiave nell’ambito del nucleare, mi riferisco fondamentalmente, innanzitutto, alla maniera migliore per perseguire il disarmo nucleare, ed anche un altro aspetto che noi consideriamo collegato che è quello della sicurezza dei materiali nucleari, in genere, quindi anche per quello che riguarda l’utilizzo dell’energia nucleare a fini pacifici. Ricordo solo per dare un po’ il taglio dell’evento che l’Italia è molto impegnata in questo versante noi siamo tra i sostenitori più attivi del processo preparatorio che porterà nel 2010 alla Conferenza di revisione del Trattato di non proliferazione, auspichiamo anche fortemente che entri in vigore al più presto il Trattato per la messa la bando dei test nucleari. Vorremo che venisse avviato un negoziato per il blocco della produzione dei materiali fissili. L’evento di giovedì non è solo un evento che evoca vecchie cose, ma che ha un terreno molto concreto sul quale si fonda.

www.dovesiamonelmondo.it

Mariangela Pira. Abbiamo parlato nel dossier diplomatico di “dove siamo nel mondo”, servizio offerto dall’Unità di Crisi, e dunque io vi ricordo di registravi sempre prima di partire su: www.dovesiamonelmondo.it, soprattutto in prossimità delle vacanze di Pasqua, qualora la vostra meta fosse comunque una meta problematica, un Paese cosiddetto caldo, mi raccomando iscrivetevi: www.dovesiamonelmondo.it.
Vi ricordo che sul sito internet: www.esteri.it è possibile rivedere questa puntata e le altre in archivio, vi ringrazio come sempre per averci seguito e da parte mia e da parte del Ministero degli Affari Esteri e della Redazione tanti auguri di buona Pasqua. Arrivederci.

Spot Viaggiare Sicuri
1° intervistato
D. Ha preso lo spazzolino da denti?
R. Sì
2° intervistato
D. Passaporto?
R. Ovvio.
3° intervistato
D. La spazzola per il cane?
R. … (nessuna risposta)
4° intervistato
D. Shampoo… 
R. …..(nessuna risposta)
5° intervistato
D. Camicia di ricambio?
R. …..(nessuna risposta)
3° intervistato
D. I croccantini?
R. … (nessuna risposta)
6° intervistato
D. Occhiali da sole?
R. … (nessuna risposta)

7° intervistato
D. Tutto a posto?
R. Sì, diciamo…

1° intervistato
D. Si è iscritto al sito dovesiamonel mondo?
R. Sì, no…

8° intervistato
D. … (nessuna domanda)
R. No, non lo sapevo…  

Viaggiare Sicuri
Franco Frattini. Ministro degli Esteri.
Prima di partire, iscrivetevi a www.dovesiamonelmondo.it  così l’Unità di Crisi vi aiuterà, ovviamente solo se necessario…


761
 Valuta questo sito