Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Esteri News – Il notiziario della Diplomazia italiana – 30 aprile 2009

 

Esteri News – Il notiziario della Diplomazia italiana – 30 aprile 2009

Conferenza sul Terrorismo
Abbiamo seguito la  Conferenza internazionale sui fattori destabilizzanti che concorrono all’insorgenza del terrorismo.

Il Consiglio Artico
Il Ministro Frattini durante la visita in Norvegia ha partecipato al Consiglio Artico: il timore relativo al possibile scioglimento dei ghiacci nella regione nei prossimi anni, tra rischi e opportunità

La cooperazione in Etiopia
La Cooperazione italiana è molto attiva in Etiopia in settori importanti come quello sanitario e scolastico. Ne abbiamo parlato con il Direttore generale Elisabetta Belloni.

Il G8 e il tema dell’efficienza energetica
Parleremo del G8 sull’ambiente e dell’importanza del tema dell’efficienza energetica nella lotta al cambiamento climatico con due importanti testimonianze, Edison e Saras

La copertina di oggi
Conferenza Internazionale sul terrorismo
Mariangela Pira.
Bentornati ad Esteri News, come avete sentito nel nostro sommario abbiamo seguito la Conferenza internazionale sui fattori destabilizzanti che concorrono all’insorgenza del terrorismo, la corrispondenza è di Janina Landau.

Janina Landau. Il 23 e 24 aprile alla Farnesina si è svolta  una Conferenza internazionale che ha fatto il punto sui fattori sociali, economici che contribuiscono alla stabilizzazione. Traffico di armi, di esseri umani ma anche di droga. Sono solo alcune delle problematiche principali. In questa occasioni  il Ministro Frattini ha posto l’accento sulla necessità di un approccio globale e la necessità soprattutto di un maggior coinvolgimento dei Paesi africani

Franco Frattini – Ministro degli  Esteri. Per la prima volta c’è una consapevolezza di come i fattori di minaccia debbano essere affrontati insieme dalla politica estera e dalla politica di sicurezza. C’è la consapevolezza che i paesi del G8 devono coinvolgere i Paesi emergenti e le economie in via di sviluppo anzitutto i Paesi dell’Africa e dell’Asia. C’è la conferma che minacce come quella del terrorismo della proliferazione nucleare restano le minacce più pericolose per le nostre democrazie. L’immigrazione è un problema che riguarda l’Europa e non solo l’Europa, lavoreremo con i Paesi dell’Africa per affrontare insieme questo argomento.

Le notizie di oggi
Frattini al Consiglio Artico

Mariangela Pira. E iniziamo con le notizie della visita del Ministro Frattini in Norvegia e la sua partecipazione alla sesta riunione ministeriale del Consiglio Artico,  come vediamo nella slide che abbiamo preparato, il Consiglio Artico è un foro intergovernativo istituito con la Dichiarazione di Ottawa nel 1996 con lo scopo di promuovere il coordinamento tra gli stati artici per lo sviluppo sostenibile e alla tutela ambientale della regione. Ne sono membri Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Russia, Svezia e Stati Uniti, insieme alle principali organizzazioni delle popolazioni indigene locali. Il cambiamento climatico è stato così uno dei temi più importanti affrontati nella visita del  Ministro che ha partecipato ad una tavola rotonda specifica su questo tema e ha inaugurato la Amundsen  Nobile Climate Change Tower, costruita dal nostro CNR in collaborazione con la controparte norvegese proprio  per studi appropriati  sui cambiamenti climatici.
Alcuni scienziati prevedono che tra pochi anni l’Artico potrebbe rimanere privo di ghiacci durante l’estate, da qui la preoccupazione della comunità internazionale per questa regione. L’Artico rappresenta però anche un’opportunità: nell’area trasporti e in quella energetica, dato che, pensate,  secondo alcune stime qui si trova il 25% delle risorse petrolifere a livello mondiale.

MAE ed ENIT a supporto del Turismo

Mariangela Pira. E in una fase di allarme nel settore turismo a causa dell’influenza suina di cui si parla in questi giorni, l’Italia continua ad essere una meta ideale per i turisti desiderosi di visitare il Bel Paese per il suo cibo, la sua cultura e  l’arte presente nelle sue città. In termini di afflusso di visitatori, però, l’Italia ha ancora ampi margini di crescita. Per sostenere il settore del turismo, i più importanti broadcast di mercati strategici per l’Italia quali Germania, Austria, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti e Canada, lanceranno ad aprile e maggio un messaggio promo- pubblicitario che possa suscitare, a chi lo vede, l’emozione di un viaggio in Italia. Il motto della campagna realizzata per l’ENIT dalla RAI e RAI Trade è :”Italia Much More”, con immagini suggestive che possano catturare l’attenzione di chi la vede. La diffusione del messaggio negli Stati Uniti e nell’area tedesca sarà realizzata anche sul web con i principali gruppi editoriali e ci sarà anche un sito internet dedicato: www.italiamuchmore.com Prosegue dunque la partnership tra il Ministero degli Esteri e l’ENIT, le cui sinergie sono state delineate anche dal protocollo siglato lo scorso 14 gennaio a Palazzo Chigi.

Giorgio Bassani a New York
Mariangela Pira.
Fino alla fine di maggio a New York si possono visitare due mostre dedicate allo scrittore Giorgio Bassani. Sono due percorsi espositivi differenti. Il primo si chiama ‘La parola dipinta’ e ospita alcune opere che rappresentano una campionatura dei pittori più amati da Bassani, da Morandi a Garofalo. Il secondo, invece,  si chiama ‘Il giardino dei libri’ e fa conoscere le letture predilette dallo scrittore: le opere della sua formazione, quelle degli amici e dei compagni di strada, spaziando così da Baudelaire e Ibsen, a Moravia e Pasolini. Le due mostre sono frutto della collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e quello dei Beni Culturali. Sono state inaugurate dal Sottosegretario del Ministro dei Beni Culturali. Sono state inaugurate dal Sottosegretario del Ministero dei Beni Culturali,  Francesco Giro e dall’Ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti Giovanni Castellaneta.


Mariangela Pira. Ed in chiusura volgiamo parlare di noi e del premio “Innovazione 2009” che è stato dato proprio al sito della Farnesina , il secondo dopo il premio attribuitoci lo scorso anno:il premio ‘’Euromediterraneo 2008’’. Ebbene, per quanto riguarda invece il premio “Innovazione 2009” è stato dato dall’Associazione italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale, la commissione ha vagliato 72 istituzioni ed il MAE è stato l’unico Ministero premiato. Questo non può che renderci orgogliosi e spronarci a fare meglio in futuro.


Canale Diplomatico

La Cooperazione tra Italia ed Etiopia
Mariangela Pira.
La Cooperazione ci porta in Etiopia, dove è stato rinnovato  da parte italiana l’impegno in settori come l’Istruzione, lo Sviluppo rurale, la Sanità e l’Acqua. In tre anni, fino al 2011, la Cooperazione italiana verserà al Paese in questi settori 46 milioni di euro. E’ stato firmato a questo proposito un documento bilaterale  dal vice Ministro etiopico delle Finanze e dello Sviluppo economico e da Elisabetta Belloni Direttore Generale della Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri. Dalla nostra slide, che possiamo vedere insieme in sovrimpressione, monitoriamo  come alcuni dei fondi stanziati siano stati già destinati ad un programma che serve a migliorare la qualità del sistema nazionale dell’istruzione di base e secondaria, chiamato GEQIP. E, come potete vedere da questa seconda slide che via abbiamo preparato, anche in ambito sanitario l’Italia parteciperà ad un fondo insieme ad altri donatori per migliorare l’accesso e la qualità dei servizi di base per la popolazione. Ma sentiamo il commento del Direttore Generale della Cooperazione allo Sviluppo della Farnesina,  Elisabetta Belloni

Elisabetta Belloni- D.G. Cooperazione allo Sviluppo. Abbiamo firmato un accordo che in realtà sancisce la programmazione delle attività di Cooperazione italiana con l’Etiopia. Sono state proprio le autorità etiopi che hanno fortemente voluto questo accordo di programmazione sostenendo che l’Italia avrebbe dovuto impegnarsi nei cosiddetti settori di eccellenza, cioè in quei settori dove l’Italia può dare un contributo ed un valore aggiunto alle attività di cooperazione in Etiopia. Si tratta di progetti quindi nel settore delle infrastrutture, nel settore energetico, nel settore dell’ambiente, nel settore rurale e nel settore della sanità e agricoltura.


770
 Valuta questo sito