Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Esteri News – Il notiziario della Diplomazia italiana – 14 maggio 2009

 

Esteri News – Il notiziario della Diplomazia italiana – 14 maggio 2009

Banca Mondiale: fondo per i cambiamenti climatici
Banca Mondiale e Ministero degli Affari Esteri si ‘alleano’ per combattere l’effetto serra. L’iniziativa è stata presentata alla Farnesina con il lancio del Fondo della Banca Mondiale dedicato ai cambiamenti climatici nella regione Medio Oriente e Nord Africa.

Cooperazione nella valle delle balene
L’area naturalistica di Wadi El Rayan, in Egitto, è stata oggetto dell’intervento della Cooperazione italiana in materia di protezione dell’ecosistema. Consulenza tecnica e formazione di tecnici locali per salvaguardare l’area.

La Farnesina al Forum della P.A. a Roma
Il Ministero degli Esteri ha partecipato anche quest’anno al Forum della Pubblica Amministrazione che si è svolto alla fiera di Roma. La Farnesina ha presentato i suoi servizi destinati a cittadini e imprese. Sempre più spazio ai servizi on-line.

G8: verso il Vertice dell’Aquila
Si susseguono gli incontri preparatori in vista del Summit del G8, in programma a luglio a L’Aquila. Un intenso e complesso lavoro diplomatico di cui abbiamo parlato con il Segretario Generale della Farnesina e Sherpa G8, Giampiero Massolo.

La copertina di oggi
Banca Mondiale: fondo per i cambiamenti climatici

Mariangela Pira. Bentornati a Esteri News. Come avete sentito nel nostro sommario abbiamo seguito il lancio del Fondo della Banca Mondiale dedicato ai cambiamenti climatici in Medio oriente e in Nord Africa. Ce ne parla Janina Landau.

Janina Landau. Il 13 e il 14 maggio si è svolto alla Farnesina un incontro nel quale è stato presentato il nuovo Fondo della Banca Mondiale dedicato ai cambiamenti climatici, nella regione del Mena. Il programma vuole assistere i governi dei Paesi del Mena, specie quelli più poveri, negli sforzi di adattamento e di mitigazione agli effetti dei cambiamenti climatici. Attraverso il suo contributo l’Italia intende offrire un rapporto determinante alle iniziative della Banca Mondiale e alla promozione e all’approccio regionale, con l’obiettivo anche di incoraggiare altri donatori a partecipare al Fondo.
Ha presieduto la conferenza Daniela Gressani, Vicepresidente della Banca Mondiale per il Nord Africa e il Medio Oriente.

Daniela Gressan i- Vice Pres. Banca Mondiale Nord Africa e M.O. Questo nuovo Fondo è stato organizzato per uno dei problemi più urgenti del nostro tempo, che è il problema del cambiamento climatico e l’impatto che avrà nell’economia della regione Mena, l’Africa del Nord e Medio Oriente. Che sono regioni che hanno una grande scarsità d’acqua, hanno una grande popolazione in zone che possono essere vicine a inondazioni, sono zone costiere.
I progetti che verranno sostenuti sono progetti di diffusione, generazione di conoscenze tecniche e di esperienze pratiche per gestire questi problemi.

Janina Landau. Qual è il contributo concreto dell’Italia?

Daniela Gressan i- Vice Pres. Banca Mondiale Nord Africa e M.O. L’Italia è uno dei donatori di questa iniziativa, contribuisce risorse che verranno utilizzate per facilitare, come dicevo, lo sviluppo di conoscenze tecnologiche, di esperienze pratiche e diffusione all’interno, sia di questi Paesi, sia a livello regionale che a livello globale, di queste conoscenze.

Janina Landau. E’ importante comunque coinvolgere anche altri Paesi donatori?

Daniela Gressan i- Vice Pres. Banca Mondiale Nord Africa e M.O. Certo. Altri Paesi donatori sono già coinvolti, in particolare la Commissione europea, ha contribuito risorse a questa iniziativa. Altri Paesi hanno espresso l’intenzione di contribuire, anche loro.


783
 Valuta questo sito