Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

ESTERI NEWS – IL TG DELLA DIPLOMAZIA ITALIANA – 20 maggio 2010

 

ESTERI NEWS – IL TG DELLA DIPLOMAZIA ITALIANA – 20 maggio 2010

IL VERTICE ITALO-EGIZIANO

A villa Madama il vertice italo-egiziano per rinnovare i legami di amicizia e rafforzare ulteriormente una collaborazione strategica a tutto campo.

FORUM DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

“Gestire un network per l’Italia nel mondo” è lo slogan con cui la Farnesina partecipa al Forum della Pubblica Amministrazione presentando progetti innovativi per una rete diplomatico-consolare sempre più efficacemente al servizio dell’internazionalizzazione del Paese.

L’INTEGRAZIONE DEI DISABILI IN TUNISIA

Vi parleremo oggi di un progetto della Cooperazione italiana in Tunisia per sostenere il recupero e l’integrazione dei disabili. Una strada di cooperazione nel campo sociale che ha dato risultati incoraggianti.

RELIGIONI, CULTURE E DIRITTI UMANI

Si è svolto alla Farnesina un Seminario sul rapporto tra religioni, culture e diritti umani. Il possibile ruolo delle religioni nella politica internazionale per la pace, la cooperazione e lo sviluppo.

STORIA DI COPERTINA

Il Vertice Italo-Egiziano

Janina Landau. Il Terzo Vertice italo-egiziano si inserisce in un periodo particolarmente intenso nei rapporti tra il nostro Paese e quello che ormai viene indicato come un attore chiave per il mantenimento della pace sia in Medio Oriente che in Africa.

Il Vertice è stata l’occasione per firmare numerosi Accordi, avviare iniziative in vari ambiti: dai trasporti alle infrastruttura, alla cultura, all’energia.

L’Italia è il primo partner commerciale europeo dell’Egitto e il secondo occidentale, dopo gli Stati Uniti. Nel 2009 l’interscambio italo-egiziano ha infatti superato il 5,3 miliardi di dollari. In tale contesto nel 2006 si è dato il via al green corridor , l’obiettivo è quello di incrementare le esportazioni dei prodotti orto-frutticoli egiziani verso l’Italia e, attraverso di essa, verso l’Europa, nonché di aprire il mercato egiziano ad alcuni prodotti italiani. Il progetto è entrato ora in una nuova fase che consentirà di ampliarlo e rafforzarlo.

L’Italia è di gran lunga il principale investitore straniero in Egitto, con un valore di investimenti esteri diretti pari a 8 miliardi di dollari nell’arco dell’ultimo triennio.

Con circa 20 progetti in corso del valore complessivo di 90 milioni di euro, e un programma di conversione del debito del valore di 100 milioni di dollari, l’Italia in Egitto è tra i primi donatori bilaterali, confermando il suo ruolo di partner privilegiato. Negli ultimi 10 anni la cooperazione italiana ha destinato a questo Paese oltre 200 milioni di euro.

Rapporti economici, ma non solo, con oltre 50 mila persone la comunità egiziana in Italia, anche grazie al profondo ed antico legame che accomuna i due Paesi e le rispettive culture, risulta essere la più integrata sia dal punto di vista lavorativo, che religioso.

Silvio Berlusconi – Presidente del Consiglio. C’è già una collaborazione eccellente, con questi Accordi potremo incrementarla di molto. E’ aumentato l’interscambio, l’Italia è il primo partner commerciale tra i paesi europei dell’Egitto e sono più di 600 ormai le aziende italiane che lavorano in Egitto.

Ho ricordato prima tutti i settori in cui operiamo, con questi Accordi noi interverremo ancora più attivamente nei trasporti, nell’energia, nella poste. Recentemente le nostre poste, che sono all’avanguardia per il sistema logistico di distribuzione, hanno firmato un Accordo e si prevede che tra poco verrà firmato anche un Accordo per i pagamenti attraverso le Poste, e quindi per una modernizzazione del sistema egiziano con l’esperienza delle nostre Poste che sono all’avanguardia in Europa e nel mondo.

Le Notizie della Settimana

Religioni, culture e diritti umani

Mariangela Pira. Religioni, culture e diritti umani: un rapporto complesso in evoluzione. Di questo si è parlato in una Conferenza internazione che si è tenuta in Farnesina la scorsa settimana. L’Italia, ha sottolineato il Sottosegretario agli Esteri, Scotti sostiene e partecipa attivamente le iniziative volte a favorire “una positiva influenza delle religioni nella politica internazionale e soprattutto nella direzione di porre solide basi per la pace, la cooperazione e per lo sviluppo dei popoli". E sentiamo in queste interviste alcuni contributi. Maria Angela Falà - Univ. La Sapienza Roma. Ogni uomo ha tante identità, ogni identità concorre a costruire una sua identità più complessa e l’identità religiosa è una delle parti fondamentali per cui oggi, sempre più, le religioni sono presenti nel campo del sociale, nel campo politico e nel campo dell’educazione.

Pietro Cocco - Giornalista Radio Vaticana. Spesso le religioni vengono viste, purtroppo anche nei media spesso vengono riportate notizie che le mostrano quasi come un ostacolo, antagoniste alla promozione, all’affermazione dei diritti umani, mentre invece, noi sappiamo che i diritti umani trovano proprio le loro radici più profonde, il loro senso anche perché possono dare alla promozione dei diritti umani e che sono quindi le protagoniste per poterlo affermare nei diversi contesti sociali.

MichaelAscoli - Rabbino, Com. ebraica Roma. Ho tentato di portare l’attenzione sulla rilevanza dei doveri rispetto a quella dei diritti nella nostra concezione del mondo, della vita, del nostro rapporto tanto con gli altri quanto con il Divino.

Il nuovo modello di passaporto

Mariangela Pira. Dal 20 maggio diventa operativo un nuovo modello di passaporto chiamato biometrico. Il nuovo libretto contiene, infatti, un microchip che farà da memoria dei dati biometrici del titolare, riportando foto e impronte digitali, inoltre conterrà la digitalizzazione della firma del titolare, un elemento importante che permetterà in caso di smarrimento o di furto, di non poterlo modificare. Particolare attenzione è stata riservata anche alla sicurezza personale dei viaggiatori minorenni per scongiurare rischi di traffici criminali. Sul passaporto dei minori di 14 anni verranno riportate le generalità dei genitori. Il nuovo passaporto, con formato unico di 48 pagine, non inciderà sulla validità dei passaporti attualmente in corso che resteranno validi fino alla prevista data di scadenza. Dal 20 maggio inizierà poi ad essere utilizzato il passaporto cosiddetto temporaneo e questa è una novità assoluta per l’Italia. Privo della memoria elettronica, verrà rilasciato solo nel caso in cui non sia possibile prendere le impronte digitali del titolare per motivi non dipendenti dalla sua volontà, come per esempio, nel caso di una disabilità fisica.

Project near East 2010. Giordania

Mariangela Pira. 300 aziende partecipanti, provenienti da 25 paesi: questi i numeri di Project Near East 2010, uno dei più importanti eventi fieristici in Giordania che si è tenuto dal 3 al 6 maggio. Tra i partecipanti spicca l’Italia con 18 aziende presenti con l’Ice che hanno riscosso un buon successo. La fiera era dedicata a diversi settori tra cui costruzioni e materiali per l’edilizia, ingegneria elettrica ed agricoltura. Crescente l’interesse delle nostre imprese verso la Giordania, vista anche come porta d’accesso per i Paesi dell’area, soprattutto l’Iraq. L’Italia è il secondo fornitore del mercato giordano ed il primo del Paese iracheno, entrambi hanno prospettive di crescita che, in qualche modo, attraggono i nostri operatori.

L’integrazione dei disabili in Tunisia

Mariangela Pira. Vi parliamo adesso di un progetto della Cooperazione Italiana in Tunisia, si tratta del Sostegno all’integrazione sociale delle persone con disabilità. Vediamo il servizio.

Sostenere l’integrazione sociale delle persone con disabilità in Tunisia, questo il progetto cofinanziato dalla Cooperazione italiana con un dono di 1,8 milioni di euro avviato nel maggio 2007, per 3 anni. Lo scopo è quello di migliorare le condizioni di istruzione, integrazione sociale delle persone con disabilità attraverso il rafforzamento delle capacità delle Istituzioni pubbliche e delle Associazioni che operano in Tunisia stimolando esperienze di progettazione partecipata. L’esperienza italiana nel settore dell’integrazione sociale di queste persone è stata fondamentale per il Ministero degli Affari Sociali tunisino. Sono state inoltre realizzate visite in Italia da parte di dirigenti ministeriali e rappresentanti di Associazioni tunisine presso gli Organismi omologhi. Da ciò è nato lo stanziamento di un fondo di 380mila euro con cui sono stati finanziati 14 microprogetti, promossi da Associazioni tunisine cui sono stati donati anche 4 minibus attrezzati per il trasporto di persone con disabilità. Il progetto prevede anche la ricostruzione del centro dell’URAV di Gafsa costruito in base agli standard di accessibilità dotato di attrezzature adattate per le persone non vedenti. Per parlare di questa esperienza ad Hammamet si è svolta una Conferenza Internazionale sul tema dell’integrazione delle persone con disabilità alla luce della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, ratificata da entrambi i Paesi. A sottolineare la rilevanza dell’evento, presenti: Romolo De Camillis, Dirigente del Gabinetto del Ministero del Lavoro italiano e l’omologo tunisino Nasser Chebbi. Per la Cooperazione italiana hanno partecipato Maurizio Bonavia, Direttore dell’Ufficio di Cooperazione a Tunisi e Mina Lomuscio, Dell’Unità Tecnica Centrale della DGCS.

Istanbul, capitale della cultura

Rafforzare la partnership che già esiste tra Italia e Turchia, in ambito culturale, scientifico ed economico. Questo è l’obiettivo del nostro Paese, che partecipa alle iniziative per Istanbul, capitale europea della cultura 2010. Numerosi eventi permetteranno di evidenziare i legami che ci uniscono alla Turchia, un’amicizia che si rinnova ogni anno. Forte l’interesse per la lingua e la cultura italiana ma anche attiva la cooperazione in ambito scientifico e tecnologico. Le relazioni economiche sono floride e lo dimostra la presenza delle nostre grandi aziende in Turchia, di cui l’Italia è il quarto partner commerciale. Tra le varie iniziative anche la mostra fotografica che sarà aperta ad Istanbul, organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura, che prevede la scelta di 9/10 case museo, che vedete anche in queste immagini, in grado di rendere la varietà delle tipologie di case oggi divenute museo esistenti in Italia.

CANALE DIPLOMATICO

Il Forum della Pubblica Amministrazione

Mariangela Pira. Per quanto riguarda il dossier della settimana, vi vogliamo parlare del Forum sulla Pubblica Amministrazione che si è tenuto a Roma, di cui tra pochissimo vedremo il servizio. Evidentemente anche il Ministero degli Esteri ha partecipato a questo Forum con una serie di incontri che ne hanno caratterizzato la presenza.

Dall’incontro sul nuovo portale web dell’Istituto Diplomatico, a cura proprio dell’Istituto Diplomatico, a un incontro su “Fare sistema” una Banca dati della Cooperazione decentrata, a cura della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo.

Si è parlato anche di “Esteri Cult” la promozione della lingua italiana nel mondo, a cura della Direzione Generale per la Promozione e la Cooperazione culturale e dei dati del dipendente, la dematerializzazione, la condivisione con altre Pubbliche Amministrazioni, a cura del Servizio per l’Informatica la Sicurezza e la Cifra.

I visitatori del Forum presso lo stand del Mae hanno anche potuto partecipare al Concorso “Chi vuol essere Ministro”, sostanzialmente si tratta di rispondere ad una serie di domande sulla politica internazionale e sulla diplomazia economica.

Questi alcuni degli eventi che sono stati organizzati e noi sentiamo subito però nella corrispondenza di Janina Landau il servizio sul Forum della Pubblica Amministrazione.

Janina Landau. Ci troviamo all’interno del Forum della Pubblica Amministrazione giunto ormai alla sua 21ma edizione, quest’anno incentrato sul ruolo che le pubbliche amministrazioni possono avere per risollevare il nostro Paese dalla crisi. In questo momento siamo all’interno dello stand della Farnesina e mi trovo in compagnia di Arnaldo Minuti, che fa parte del Servizio Stampa della Farnesina ed è responsabile anche dell’URP. A lui chiedo subito: qual è il ruolo della Farnesina all’interno di questo Forum?

Arnarlo Minuti – Resp. Urp Mae. Noi siamo qui, come del resto ogni anno, è un appuntamento per noi molto importante, in cui noi appunto presentiamo un po’ tutti i Servizi che abbiamo per il cittadino. Quest’anno il nostro slogan, la nostra presenza qui è caratterizzata dal motto: “Gestire un network per l’Italia nel mondo” ed è proprio su questo che vogliamo puntare, sul valorizzare e caratterizzare il nostro Ministero come gestore di un network, composto naturalmente dalla nostra rete diplomatico-consolare al servizio del cittadino e delle imprese.

Infatti avremo qui all’interno dello Stand una serie di presentazioni in cui esporremo quelli che sono innanzitutto quello che sono oggi i servizi della diplomazia economica e cioè quali sono tutti quei servizi che noi mettiamo al servizio delle imprese per la loro internazionalizzazione, cioè per il ruolo che possono giocare all’estero.

Janina Landau. La Farnesina si è aggiudicata anche 6 premi all’interno di questo Forum.

Arnaldo Minuti – Resp. Urp Mae. Noi abbiamo concorso al premio “Premiamo i Risultati” con diversi Progetti, sei di questi sono stati selezionati per la fase finale e hanno ricevuto appunto il premio, sono progetti di dematerializzazione, di razionalizzazione delle procedure amministrative e quindi per questo siamo molto soddisfatti.

Renato Brunetta – Min. Pubblica Amm.ne. Noi abbiamo bisogno di modernizzare lo Stato, lo Stato centrale come lo Stato di Regioni, Province e Comuni. La modernizzazione si fa migliorando la qualità del capitale umano, dei dipendenti, la formazione, l’introduzione della ICT (Innovation Comunication Tecnology), cambiando le regole, semplificando. Ebbene questa è una grande occasione, questa seconda crisi, dopo la prima che abbiamo già vissuto due anni fa, questa seconda crisi è una grande occasione. Uscirne, uscirne bene con una Italia più efficiente, più giusta, capace di premiare il merito, capace di rispondere ai bisogni dei cittadini e risparmiando, si può anche risparmiare facendo tutto questo.

Mariangela Pira. Prima di salutarvi vi ricordo l’indirizzo mail: esteri news@esteri.it , vi ringrazio per averci seguito, vi do appuntamento alla prossima settimana sempre con Esteri News. Arrivederci.


961
 Valuta questo sito