Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Esteri News dossier

 

Esteri News dossier

LA COOPERAZIONE ITALIANA NEI TERRITORI PALESTINESI

Mariangela Pira. Con questo documentario vogliamo parlarvi delle attività della Cooperazione italiana in Palestina.

Operare in un contesto come la Palestina è difficile per la Cooperazione. La costruzione del muro di divisione tra Territori e Israele non aiuta, così come l'inasprimento del conflitto dopo la vittoria di Hamas. La violenza permanente e la disoccupazione crescente costituiscono una continua minaccia. In questo contesto si inseriscono le attività dei cooperanti.

Luciano Pezzotti - Console d’Italia a Gerusalemme. In quanto amico, onesto, di entrambe le parti parlare da amico con entrambe le parti e vedere di convincerli che in fondo la pace è nell’interesse di entrambi.

Tornando al ruolo storico dell’Italia, nel campo della Cooperazione, è uno dei paesi guida, lo è sempre stato. E’ chiaro che nel corso del tempo le attività si sono succedute, trasformate e cambiate a seconda delle esigenze. Si è passati da una cultura dell’emergenza ad una cultura dello sviluppo economico, per esempio.

Mariangela Pira. La cooperazione italiana sostiene il popolo palestinese in questa condizione di estrema precarietà con progetti concreti: d’aiuto alla popolazione

Gian Pietro Testolin – Cooperazione Italiana. I settori d’intervento sono l’emergenza, attualmente in particolare a Gaza, e poi tutta una serie di altre iniziative su canale ordinario, tra le quali la più importante e prioritaria in questo momento sono due linee di credito del valore complessivo di quasi 70 milioni di euro.

L’emergenza è un settore fondamentale per le caratteristiche che ha questo specifico territorio e in particolare bisogna tener presente la situazione di Gaza, perché sono molto importanti anche da un punto di vista della nostra presenza e quindi dell’azione che in qualche maniera noi facciamo anche di calmierare un attimo le tensioni.

Vedere l’emozione che provano queste persone quando, in qualche maniera, noi ci sentiamo partecipi da un lato del loro dolore, ma anche della gioia di avere la possibilità di esprimere quello che possono dare, soprattutto quello che possono dare non quello che possono ricevere, questo è molto emozionante.

TERRITORI PALESTINESI: ALI DELLA COLOMBA

Ali della Colomba si pone come un’iniziativa nuova rispetto ai normali canali di cooperazione.

Antonio La Rocca – Cooperazione Italiana. Questo programma è un programma di cooperazione finanziato dl Ministero degli Affari Esteri, che viene gestito nei Territori palestinesi e dal Consolato Generale d’Italia e con la partecipazione del Ministero palestinese del Local Government

Mariangela Pira. Il Palestinian Municipalities Support Program svolge la sua attività di collaborazione con gli enti locali italiani (Regioni, Province e Comuni) che contribuiscono finanziariamente e tecnicamente alla sua realizzazione.

Antonio La Rocca – Cooperazione Italiana. Migliorare le capacità degli enti locali palestinesi nell’erogazione dei servizi destinati alla popolazione locale.

Certo, esiste un problema di risorse per gli enti locali italiani dovuto alla crisi economica. Nonostante questo, rimane l’interesse per questo programma dedicato ai palestinesi. Anche perché la reazione degli stessi alla presenza italiana è positiva, grazie a relazioni solide instaurate nel tempo.

Antonio La Rocca - Cooperazione Italiana, Dir. Pmsp

Sicuramente il miglioramento della capacità tecnico-amministrative degli enti locali palestinesi è fondamentale per creare i presupposti di quella che noi tutti auspichiamo la realizzazione dello Stato palestinese.


1077
 Valuta questo sito