Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il padiglione italiano

 

Il padiglione italiano

PROGETTO. Attraverso una gara europea cui hanno partecipato 65 studi di architetti, è stato selezionato il progetto del Padiglione italiano elaborato dall’Arch. Giampaolo Imbrighi docente della Facoltà di Architettura dell’Università “La Sapienza” di Roma.

STRUTTURA. Il Padiglione italiano ha una superficie di oltre 6,000 mq.
Nella progettazione degli interni e nell’allestimento degli spazi del padiglione si è tenuto conto dell’esigenza di ospitare, oltre all’esposizione principale permanente, anche piccole mostre specialistiche, spettacoli, forum, proiezioni, conferenze. Per questo si sono realizzati:

  • un Auditorium attrezzato che può ospitare circa 200 persone e che può essere utilizzato per cinema e  rappresentazioni varie, oltre che per conferenze e forum;
  • alcune sale di dimensioni comprese tra i 180 mq e i 500 mq per esposizioni temporanee (anche a disposizione di sponsor, istituzioni partner, Regioni, ecc);
  • una sala multimediale e modulare per eventi di più piccola dimensione (seminari, convegni, conferenze ed eventuali riunioni conviviali);
  • una libreria/salotto letterario che esporrà testi da consultare e sarà un luogo per incontri d’alta cultura.

Esistono inoltre nel padiglione: una caffetteria e un ristorante con angolo degustazione, un piccolo negozio di souvenir e gadgets, uno spazio per l’infanzia ed un ampio atrio in cui si potranno realizzare interventi di varia natura.
Gli eventi destinati ad un pubblico più vasto saranno realizzati nelle strutture appositamente previste dagli organizzatori nel parco dell’Expo (teatro, centro congressi, spazi aperti comuni, ecc).

PARTNER/FORNITORI. Il Padiglione italiano offrirà una vetrina delle eccellenze prodotte dall’Italia nei settori che contribuiscono alla migliore qualità della vita nelle aree urbane: dalle nuove tendenze di ingegneria, urbanistica, architettura e design, alle tecniche costruttive eco-sostenibili, ai materiali ed alle tecnologie innovative. La struttura stessa del Padiglione sarà il primo esempio del meglio che il nostro Paese può offrire in questi settori. Importanti sponsorizzazioni in forma di fornitura gratuita di beni e servizi sono state ottenute da importanti aziende italiane interessate ad esser presenti a Shanghai quali:

PERMASTEELISA per le facciate in vetro, GRANITI FIANDRE per i pavimenti, IGUZZINI per l’illuminazione, LABIO TEST per la purificazione dell'aria, TECNO per gli ascensori, CLIMAVENETA impianti di condizionamento, MAPEI per i rivestimenti, ELCO per i pannelli solari, SISPA sistemi sicurezza anti-incendio, ZUCCHETTI per le rubinetterie, VIMAR per domotica e il materiale elettrico, GLOBO sanitari, ATURIA per le pompe idrauliche, ULTRAFLEX GROUP per motorizzazioni apribili. Sono in fase di predisposizione i contratti con le seguenti imprese: Italcementi, Prysmian Cavi, Poltrona Frau e Matteo Grassi per gli arredi. La società OTIM si è aggiudicata il servizio della logistica.
Sono inoltre in attesa di essere conclusi altri importanti contratti di sponsorizzazione.

 

IL CONCEPT E L’ALLESTIMENTO
 
Sul piano espositivo, e' ormai concluso il lavoro per la definizione del concept elaborato da un Comitato di indirizzo creato insieme alla Triennale di Milano e sarà messa a gara entro breve la progettazione dell'allestimento del padiglione. Nel comitato - designato dal Commissariato del Governo per l’Expo di Shanghai in collaborazione con la Triennale di Milano - sono stati chiamati esperti in discipline scientifiche, tecnologiche, industriali, artistiche, umanistiche e sociali che saranno impegnati a proporre un’idea di sviluppo urbano qualificato in linea con il tema dell’Expo, stabilendo le linee strategiche di promozione della presenza italiana a quella che si preannuncia come la più importante Esposizione Universale di tutti i tempi.


CORPORATE IDENTITY E COMUNICAZIONE

E’ stato affidato ad Antonio Romano della società AREA il compito di sviluppare una identity della partecipazione italiana a Shanghai, mentre la società Business Press di Milano assicura il coordinamento della strategia di comunicazione del Commissariato.


REGIONI

Per i sei mesi di attività è prevista la presenza alternata delle regioni italiane ed è stato concluso un accordo con Fiera Milano che ne coordinerà la partecipazione con un fitto calendario di eventi tematici.


I PROGRAMMI DI PROMOZIONE CON LA COLLABORAZIONE DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE

Sul piano dei contenuti, soprattutto rivolti alla promozione delle eccellenze italiane, il Commissariato ha già definito programmi di azioni e avviato collaborazioni con ciascuno dei sotto elencati Ministeri e Dipartimenti, in base alle singole specificità e competenze:

  • Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione che sta portando avanti un progetto ad hoc sull’innovazione tecnologica per la qualità della vita;
  • Ministero dell’Ambiente
  • Ministero dello Sviluppo Economico, particolarmente rilevante ai fini dell’azione che sarà essere condotta dall’ICE a sostegno delle imprese nazionali, con un programma integrato che si esplicherà durante i sei mesi della manifestazione;
  • Ministero per i Beni e le Attività Culturali
  • Ministero della Sanità
  • Ministero per le Politiche Agricole
  • Dipartimento del Turismo

All’interno del padiglione e’ previsto che aziende e istituzioni pubbliche e private possano utilizzare, secondo un calendario da definire in base alle priorità, spazi modulari per eventi tematici di durata limitata a corollario dell’esposizione permanente.

Inoltre all’interno del parco dell’Expo sono a disposizione ampie strutture (oltre 30 spazi di dimensioni diverse) che possono essere prenotate per organizzare eventi culturali, di divulgazione scientifica o di promozione economico-commerciale a spese del Paese partecipante.


754
 Valuta questo sito