Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

“International Contact Group on Somalia” (Roma, 9-10 giugno 2009)

 

“International Contact Group on Somalia” (Roma, 9-10 giugno 2009)

1. L’International Contact Group è un foro di consultazione e di coordinamento che raggruppa gli attori internazionali (Stati ed Organizzazioni Internazionali) maggiormente impegnati a favore del processo di pace in Somalia. E’ attualmente presieduto dal Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per la Somalia, Ambasciatore Ahmedou Ould-Abdallah (mauritano). Si riunisce a livello alti funzionari, salvo per quanto riguarda gli ex co-Presidenti di Norvegia e Stati Uniti (spesso rappresentati rispettivamente dal Sottosegretario agli Esteri e dall’Assistant Secretary of State per l’Africa) e la Somalia che partecipa a livello Ministro degli Esteri. Il Paese ospitante apre tradizionalmente i lavori a livello politico. L’Italia è tra i fondatori dell’ICG.

2. La riunione del 9-10 giugno è la quindicesima dalla fondazione dell’ICG (giugno 2006) ed è la seconda che si tiene in Italia (la prima si è tenuta a Roma il 10 settembre 2007 ed è stata presieduta dal Vice Ministro Sentinelli).

3. A Roma sono stati invitati 34 Stati e le principali Organizzazioni Internazionali che si occupano di Somalia (Nazioni Unite con le Agenzie specializzate, Unione Africana, IGAD, Lega Araba, Organizzazione della Conferenza Islamica, Commissione Europea e Segretariato del Consiglio, Banca Mondiale). Per la prima volta è stata invitata, su richiesta italiana, la Russia, unico Stato del G8 finora escluso dall’ICG. Sono stati invitati per la prima volta anche la Cina (membro permanente del CdS ed attiva sul fronte della lotta alla pirateria), la Spagna (anch’essa assai attiva contro la pirateria), il Burkina Faso (membro del CdS), la Libia (membro del CdS e Presidente di turno dell’Unione Africana), il Sudan e la Malaysia. Su un piano generale la politica di Ould-Abdallah è stata quella di allargare il gruppo a quegli Stati che ne facevano richiesta e che erano impegnati in Somalia, al fine di dare la massima visibilità internazionale alla crisi somala.

4. In seno al Gruppo, un ruolo di rilievo è svolto, oltre che dagli Stati Uniti e dalla Norvegia, dall’Unione Africana; dalla Commissione Europea e dalla.

5. L’Italia, che ha sempre svolto un ruolo attivo in seno all’ICG, ha ripreso recentemente l’iniziativa nei confronti della Somalia, a cominciare dalla decisione di ospitare l’ICG a Roma, cosa che è stata molto ben accolta in particolare dalle Nazioni Unite e dalla Commissione Europea, e dalla ripresa dei contatti bilaterali col Governo somalo.
Da un punto di vista finanziario il sostegno italiano al Governo somalo avviene attraverso una pluralità di strumenti: cooperazione allo sviluppo, decreto missioni, legge 180 ed Italian Africa Peace Facility, tramite la quale sono stati destinati alla Somalia, recentemente, 4 milioni di euro, divisi equamente tra il sostegno alle Forze di sicurezza somale ed alle truppe di AMISOM (Conferenza organizzata dalle Nazioni Unite a Bruxelles il 23 aprile u.s.). L’IAPF è uno strumento che l’Italia gestisce insieme con l’Unione Africana.

6. I lavori saranno preceduti da una riunione preliminare la mattina del 9 giugno e saranno formalmente aperti dal Ministro Frattini alle 11,30 che formulerà un breve indirizzo di saluto. Successivamente, interverranno il Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per la Somalia, Ambasciatore Ould – Abdallah, il Primo Ministro somalo, Ali Sharmarke (che ha sostituito, all’ultimo momento, il Presidente somalo Sharif Sheikh Ahmed, che avrebbe dovuto visitare Roma su invito dell’Presidente Berlusconi) ed il Ministro degli Esteri somalo, Abdullahi Omaar, che il Ministro Frattini ha incontrato a Roma il 6 aprile u.s. 
I lavori continueranno suddivisi in tre grandi tematiche: situazione politica e di sicurezza; pirateria; situazione umanitaria e ripresa economica.
Alla fine dei lavori, il 10 giugno, alle h. 13.00, il Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per la Somalia ed il Ministro degli esteri somalo terranno una conferenza stampa.


Luogo:

Rome

9152
 Valuta questo sito