Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il Ministro D'Alema al Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne (Bruxelles, 23 luglio 2007)

Data:

23/07/2007


Il Ministro D'Alema al Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne (Bruxelles, 23 luglio 2007)
Il Ministro D’Alema partecipa oggi al Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne dell’Unione Europea. Il tema fondamentale in agenda e’ l’istituzione della Conferenza Intergovernativa. Dopo l’accordo raggiunto faticosamente al Consiglio Europeo del 21-22 giugno a Bruxelles, adesso si tratta di avviare concretamente i lavori. La Presidenza portoghese propone un calendario piuttosto serrato: dopo  il lancio ufficiale della Conferenza Intergovernativa, previsto appunto per oggi, nei giorni successivi è previsto un primo incontro degli esperti giuridici che in prima istanza esamineranno la bozza di mandato approvato dal Consiglio Europeo. Ci saranno anche dei passaggi di carattere politico: la riunione informale dei Ministri degli Esteri che si terrà in Portogallo l’8 settembre; il Consiglio Affari Generali del 15 ottobre.  L’obiettivo e’ quello di arrivare a una conclusione del processo negoziale in occasione del Vertice di Capi di Stato e di Governo di Lisbona (18-19 settembre), per sancire i risultati raggiunti, in vista della vera e propria firma del nuovo Trattato al Consiglio Europeo di dicembre. L’odierno CAGRE consentira’ poi ai Ministri degli esteri di discutere altri due temi importanti. In primo luogo il Darfur, e in particolare le prospettive dell’AMIS e della Forza Ibrida delle Nazioni Unite;  vi sara’ inoltre un approfondito scambio di idee sulle proposte francesi emerse dalla recente riunione di Parigi dedicata al Darfur (prospettive di un intervento in ambito PESD - la Politica Estera di Sicurezza e Difesa europea - in Chad a supporto della prevista missione di polizia per la sicurezza degli sfollati). L’altro tema in agenda è la prospettiva del negoziato a New York sul Kosovo. Infine, non mancherà uno scambio di valutazioni sul Medio Oriente.

Luogo:

Roma

7628
 Valuta questo sito