Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Un “Libro d’oro” a ricordo dei caduti del MAE

Data:

19/02/2008


Un “Libro d’oro” a ricordo dei caduti del MAE

Una colonna a base quadrata in bronzo alla cui sommita’ e’ inserito un cuneo cavo che contiene un “libro d’oro” dove sono scritti i nomi dei caduti in difesa della democrazia. Cosi’ il Ministero degli Affari Esteri ha voluto ricordare e celebrare simbolicamente i caduti della Farnesina in servizio e in eventi bellici.

La scultura, ultimata nel corso del 2007 dal maestro Arnaldo Pomodoro, e’ alta circa un metro e venti ed e’ unica nel suo genere. Alla sommita’ della colonna  e’ inserito un  cuneo che a sua volta sorregge un “libro d’oro”, rilegato in pelle e con lastre di bronzo, sulle cui pagine interne sono stampati in rilievo i nominativi dei dipendenti commemorati. Il libro può  essere estratto dalla suo alloggiamento premendone il dorso, così da far scattare un meccanismo  interno alla scultura che ne permette la consultazione.

Ma perche’ la scelta della colonna, del cuneo e del libro d’oro? Come spiega lo stesso scultore, la colonna come motivo di memoria nel suo essere luogo in cui si raccontano storie, come testimoniano gli obelischi egizi e le colonne romane; il cuneo perché sin dalla preistoria ha avuto il ruolo di una delle più elementari macchine inventate dall’uomo per modificare la realtà e perché e’ inteso come oggetto che perfora,  simbolo di violenza ma anche di laboriosità e mutamento. Insomma: ciò che incide nella materia attraverso l’opera dell’uomo nella storia. Infine il “libro d’oro” come oggetto proprio, elemento integrato ed esterno alla scultura stessa (nel momento in cui lo si estrae) che costituisce il senso profondo dell’intera opera: cioè la memoria di chi ha partecipato alle più alte imprese umane.

I tredici nomi dei caduti riportati sulle singole pagine sono stati a suo tempo identificati dalla Segreteria Generale, di concerto con la DGPE e con l’ausilio del Servizio Storico e Documentazione, sulla base del criterio dell’inclusione dei dipendenti della Farnesina deceduti in eventi di guerra o ad essa riconducibili , ovvero in circostanze strettamente attinenti all’esercizio delle loro funzioni. L’elenco, dal punto di vista cronologico, parte dalla Prima Guerra Mondiale.

Per la collocazione dell’opera, la cui cerimonia inaugurale avra’ luogo domani 20 febbraio,  e’ stato scelto un luogo significativo quale la Sala De Grenet, intitolata proprio alla memoria di uno dei caduti inclusi nel “Libro d’oro” , il console Filippo De Grenet, caduto alle Fosse Ardeatine.


Elenco dei caduti del MAE inclusi nel “Libro d’oro”

  NOMINATIVO GRADO O QUALIFICA DATA DI NASCITA LUOGO E DATA DEL DECESSO
1 Ruggero LAMBERTENGHI Regio Segretario di Legazione 24.01.1884 Passo Volaia
13.06.1915
2 Michele SAMAN Interprete 26.09.1880 Col di Lana
09.07.1915
3 Giuseppe TORO Volontario nella carriera d’ordine 19.03.1892 Podgora (Monte Calvario)
02.11.1915
4 Alfonso ARENA Cancelliere 15.09.1882 Esch-sur-Alzette
30.04.1929
5 Alberto OSTINI Regio Addetto Consolare 06.12.1906 Massaua
11.01.1936
6 Gioacchino TOESCA di CASTELLAZZO Regio Vice Console 15.05.1913 Allam el Nibewia
09.12.1940
7 Adriano MONACO Regio Consigliere di Legazione 13.04.1895 Fronte greco-albanese
23.04.1941
8 Roberto BAGLI Regio Addetto Consolare 18.08.1915 Quinzena (Corsica)
18.09.1943
9 Filippo de GRENET Regio Console 10.10.1904 Roma (Fosse Ardeatine)
24.03.1944
10 Attilio PERRONE CAPANO Regio Vice Console 10.05.1915 Monte Cimone (Abetone)
03.01.1945
11 Alberto BELLARDI RICCI Ministro Plenipotenziario 08.02.1892 Stoccolma
25.12.1947
12 Tito SPOGLIA Addetto Aggiunto per l’emigrazione 07.08.1923 Elisabethville (Lumumbashi)
10.07.1960
13 Daniele OCCHIPINTI Consigliere d’Ambasciata 08.11.1941 Abidjan
02.11.1990


Luogo:

Roma

7684
 Valuta questo sito