Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Libano: L’accordo di Doha per porre fine alla crisi politica

Data:

22/05/2008


Libano: L’accordo di Doha per porre fine alla crisi politica

L'elezione del nuovo Presidente e la formazione di un Governo di Unita' Nazionale, che pero' avra' subito sul tavolo numerosi problemi da risolvere, sono i punti qualificanti dell'accordo raggiunto a Doha, con la mediazione della Lega Araba, da maggioranza ed opposizione per porre fine alla crisi politica in Libano. L’accordo prevede anche che ''il ricorso alle armi o alla violenza per fini politici e' vietato''. Cio' significa evitare che in futuro il confronto armato diventi di nuovo la continuazione del confronto politico con altri mezzi. Piu' concretamente l'accordo prevede che ''entro 24 ore'' il comandante dell'esercito, il generale cattolico maronita Michel Sleiman, verrà eletto Presidente della Repubblica, carica vacante ormai da sei mesi.

Uno dei punti più importanti dell'intesa e' la formazione di un nuovo Governo di ''unita' nazionale'': sarà composto da 30 ministri, di cui tre saranno nominati dal neo-Presidente, 16  saranno della maggioranza  e 11 dell'opposizione. Quest'ultima ottiene una sorta di potere di veto che potrà esercitare quando l'esecutivo si troverà ad affrontare le questioni più delicate  e controverse. I leader di maggioranza ed opposizione si sono accordati anche sull'adozione della legge elettorale del 1960 per le legislative in programma per la primavera dell'anno prossimo.

Il raggiungimento dell’Accordo pone fine ad uno stallo politico-istituzionale durato un anno e mezzo: la crisi libanese era infatti iniziata nel novembre 2006 con l'uscita dei ministri sciiti dal governo. Il contrasto fra la maggioranza antisiriana e l'opposizione legata a Damasco si era poi acuito sul tema della scelta del successore del Presidente Emile Lahoud, il cui mandato e’ scaduto il 24 novembre 2007. Successivamente era stata trovata un'intesa sul nome di Sleiman, ma le parti rimanevano divise, in particolare, sulla formazione del governo e la legge elettorale.


Luogo:

Rome

7902
 Valuta questo sito