Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Esiti Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne (Bruxelles, 26-27 Maggio 2008)

Data:

27/05/2008


Esiti Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne (Bruxelles, 26-27 Maggio 2008)

Il Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne (Cagre) si e’ riunito a Bruxelles il 26-27 Maggio. L’Italia era rappresentata dal Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini.

Questi i principali temi trattati:

Libano – Il Consiglio si e’ detto soddisfatto per l’accordo raggiunto a Doha lo scorso 21 maggio che apre la strada verso la piena ripresa del funzionamento delle istituzioni democratiche del Libano nonche’ per l’elezione di Michel Sleiman come presidente. Il Consiglio si e congratulato con tutte le parti interessate per l’approccio costruttivo e la disponibilita’  al dialogo complimentandosi per gli sforzi della Lega Araba, in particolare del Comitato dei Ministri degli Esteri sotto la leadership  del Segretario Generale Amr Moussa e dell’emiro del Qatar Sheikh Hamad bin Khalifa al Thani.  Il Consiglio ha riconfermato la sua solidarieta’ al popolo libanese  per aver dimostrato pieno supporto al governo e alle altre istituzioni democratiche. Infine il Consiglio si e’ complimentato con le Forze armate libanesi per il contributo offerto alla stabilita’ del paese e ha condannato tutti i tentativi intesi a minare la pace in Libano.

Somalia -  Il Consiglio ha espresso preoccupazione per la situazione in Somalia e ha riaffermato il suo impegno per un approccio globale ad una normalizzazione duratura della crisi nel Paese sotto gli aspetti della politica, della sicurezza e umanitario. Il Consiglio ha sottolineato che il solo modo per ristabilire la situazione nel Paese debba passare attraverso un processo politico che includa tutte le parti interessate nell’interesse stesso della popolazione.  Il Consiglio ha percio’ invitato  tutte le parti a intraprendere un dialogo costruttivo per contribuire a una futura costituzione della Somalia da essere poi oggetto di un referendum popolare previsto per il 2009.

Zimbabwe – Il Consiglio ha preso atto dell’annuncio dello Zimbabwe Electoral Commission che il secondo turno di elezioni presidenziali si terra’ il 27 giugno e ha invitato il governo dello Zimbabwe ad assicurare lo svolgimento regolare della tornata elettorale.

Bosnia ed Erzegovina – Il Consiglio ha espresso ottimismo per la futura firma dell’Accordo di stabilizzazione e associazione da siglare nell’ambito del prossimo Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne di giugno. Il Consiglio si e’ detto soddisfatto per i progressi nel dialogo sulla liberalizzazione delle procedure per il rilascio dei visti con Bosnia ed Erzegovina il 26 maggio.

Georgia – Il Consiglio ha discusso la situazione in Georgia alla luce delle ultime elezioni parlamentari tenutesi lo scorso 21 maggio e si e’  congratulato per lo svolgimento democratico della tornata elettorale invitando le autorita’ georgiane a rivolgere la propria attenzione alle questioni identificate dall’ OSCE-led International Election Observation Mission.  Il Consiglio ha inoltre auspicato un piu’ serrato dialogo tra  governo e opposizione nel rispetto della legalita’ e della democrazia per cercare di risolvere le controversie politiche. Il Consiglio ha infine ribadito le preoccupazioni dell’ UE sulle recenti vicende che hanno generato  tensioni tra  Georgia e  Russia sottolineando che sarebbe essenziale ridurre il rischio di ulteriori tensioni e auspicando una normalizzazione dei rapporti.

Il Consiglio  ha anche trattato temi relativi all’Afghanistan, allo sviluppo, alla situazione in Myanmar e alle operazioni e missioni Pesd.

 Per approfondimenti consultare il sito internet del Consiglio dell’Unione Europea


Luogo:

Rome

7919
 Valuta questo sito