Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Seminario: il rilancio del rapporto tra Italia e Giappone. Opportunità e limiti

Data:

28/05/2008


Seminario: il rilancio del rapporto tra Italia e Giappone. Opportunità e limiti

Il tema dei rapporti tra Italia e Giappone e’ stato al centro di una relazione del Direttore Generale per i Paesi dell’Asia, dell’Oceania, del Pacifico e l’Antartide del Ministero degli Affari Esteri, Attilio Massimo Iannucci, al seminario che si e’ svolto oggi a Roma, organizzato dalla stessa Direzione del Ministero insieme con la Societa’ Italiana per l’Organizzazione Internazionale(SIOI), presieduta dall’Ambasciatore Umberto La Rocca.

 Il seminario dedicato al Giappone evidenzia  - ha detto  Iannucci - ‘’il nuovo slancio della politica estera italiana rivolta al Paese del Sol Levante’’ e si svolge alcuni giorni prima della visita in Italia del Primo Ministro giapponese Fukuda, che il 3 giugno incontrera’ il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e partecipera’ alla Conferenza Fao sull’emergenza alimentare.

Ecco i passi salienti della relazione.

2007 E PRIMI MESI 2008  IMPORTANTI  PER I RAPPORTI  ROMA-TOKYO -  Oltre alle visite dell’ex Ministro degli esteri Massimo D’Alema e dell’ex Presidente del Consiglio Romano Prodi, rispettivamente nel febbraio ed aprile del 2007, in tale periodo spicca infatti la realizzazione dell’iniziativa ‘’Primavera italiana in Giappone’’. Una straordinaria manifestazione-contenitore che  ha messo in luce attraverso una serie di eventi ‘’il meglio della creativita’ e del genio italiani’’ con l’intento di favorire  anche per questa via le nostre imprese, il nostro export e gli investimenti diretti reciproci.   ‘’E’ stato realizzato un esperimento di politica estera di grande successo’’, coordinato dal Ministero degli Esteri e dall’Ambasciata italiana a Tokyo. La manifestazione e’ stata il volano di una serie ulteriore di visite di nostre Autorita’ in Giappone ed ha permesso un rafforzamento e una continuita’ nel dialogo politico con Tokyo.

‘’ITALIA-GIAPPONE 2009’’ - In considerazione del successo dell’iniziativa ‘Primavera italiana’’ l’Ambasciata a Tokyo ed il Ministero degli Esteri hanno cominciato a lavorare da tempo ad una nuova analoga manifestazione per il 2009 che dovrebbe intitolarsi :’’Italia-Giappone 2009’’. Essa consentira’ di fare seguito agli obiettivi strategici tracciati con la precedente edizione e si presentera’ ‘’auspicabilmente ancora piu’ efficace e innovativa’’, grazie ad ulteriori idee e proposte di Musei, Istituzioni italiane, ma anche e soprattutto idee provenienti dal mondo dell’innovazione tecnologica e scientifica e della tecnologia applicata alla tutela ambientale e al risparmio energetico.

AUSPICIO PER UNA MANIFESTAZIONE/CONTENITORE DEL GIAPPONE IN ITALIA - L’Italia ha fatto e sta facendo molto per rafforzare il proprio rapporto con il Giappone. E’ per questo che ‘’auspichiamo che le Autorita’ nipponiche decidano quanto prima di realizzare un’analoga manifestazione/contenitore dedicata al Giappone in Italia, che favorisca anche una migliore conoscenza del mondo e della cultura nipponica presso la popolazione italiana e avvicini ulteriormente le due Societa’’’.

LAVORO MINISTERO ESTERI VERSO IL GIAPPONE -  Con il Giappone si va verso un’intesa sulla Sicurezza sociale, che dovrebbe regolare gli aspetti pensionistici e previdenziali dei circa 1000 cittadini nipponici residenti in Italia ed impiegati nelle imprese giapponesi operanti nel nostro Paese, cosi’ come dei nostri connazionali in Giappone. E’ previsto per le prossime settimane  un accordo vacanze-lavoro ‘’che sta particolarmente a cuore al governo di Tokyo’’ per favorire gli scambi fra giovani. C’e’ un’accelerazione, in coordinamento con il Ministero dell’Interno, per nuove soluzioni, basate sull’informatica, per un piu’ rapido rilascio dei permessi di soggiorno in Italia, agli uomini d’affari nipponici che lamentano ancora eccessive lentezze burocratiche.

LE ‘’ZONE D’OMBRA’’ - Nel nostro rapporto con il Giappone permangono ‘’alcune zone d’ombra’’, la piu’ stridente e’  rappresentata dagli scambi commerciali e dagli investimenti diretti reciproci ‘’che sembrano ancora largamente al di sotto delle potenzialita’’’.  Il problema relativo all’interscambio, d’altra parte, riguarda anche l’Europa nel suo complesso.


Luogo:

Roma

7922
 Valuta questo sito