Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Nuovo appello delle ONG italiane ai Somali

Data:

03/07/2008


Nuovo appello delle ONG italiane ai Somali

Noi ONG italiane presenti in Somalia da molti anni per garantire cure mediche, istruzione, acqua potabile, assistenza e aiuto agli orfani e agli sfollati, sviluppo agricolo e zootecnico rivolgiamo un nuovo appello a tutti i Somali, in Somalia o all’estero.
I sequestri di persona sono divenuti ormai un’arma quotidiana che colpisce personale italiano e internazionale ma anche personale somalo in modo crescente. La situazione è preoccupante, anche perché mai finora in Somalia si erano visti crimini organizzati con simile ampiezza e frequenza.
Si tratta di crimini che colpiscono persone impegnate per il bene comune, persone che nonostante i rischi e le difficoltà hanno continuato a portare aiuto, persone che credono nella solidarietà con i più deboli e bisognosi, con i propri fratelli e sorelle. Persone impegnate nelle organizzazioni umanitarie come come Mahamuud ‘Abdi Aaden, Faaduma Suldaan 'Abdirahmaan, ‘Ali Mao’, Mahadey Biile, Iolanda Occhipinti, Giuliano Paganini, Abdirahmaan Yuusuf Arale “John”, Mahamed Sheekh 'Ali, Hassan Mohamed ‘Ali, Murray Watson, Patrik Amukhuma e molti altri ancora.
Ci rivolgiamo ai somali di buona volontà: leaders politici, leaders clanici, autorità religiose, professionisti, businessmen, organizzazioni della società civile, comunità e ogni singola persona, perché tutti reagiscano duramente a questi crimini che nulla hanno a che vedere con la storia e la cultura dei somali e che rappresentano un lento ma inesorabile suicidio per la Somalia.
Chiunque sa, parli; chiunque può agire, agisca; chiunque può contribuire a fermare questi criminali lo faccia. Chiediamo l’immediata liberazione di tutti i rapiti. Lo chiediamo con convinzione e con fiducia: la stessa fiducia che ha legato e continua a legare molti di noi e delle nostre ONG a voi e alla Somalia.
La Somalia non può accettare che questa crudeltà continui, impedendo ogni tentativo di portare aiuto e sostegno alle popolazioni, distruggendo ogni sforzo per riportare la pace. Nessun paese, nessuna religione, nessuna comunità può esistere se viene dominata dalla criminalità e dalla paura.
Noi ci siamo e continueremo ad essere al vostro fianco: potremo farlo solo di fronte ad una forte e decisa reazione di tutti i somali contro questo dilagare di criminalità e disumanità.

Associazione delle ONG Italiane, 3 Luglio 2008


Luogo:

Roma

8028
 Valuta questo sito