Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Alimentazione: nuovo evento in ambito celebrazioni Mae

Data:

27/10/2008


Alimentazione: nuovo evento in ambito celebrazioni Mae
‘’Dov’e’ finita la crisi alimentare?’’:  e’ l’interrogativo al quale cercheranno di dare un risposta numerosi esperti e studiosi chiamati a consulto dall’Ispi (Istituto  per gli studi di politica internazionale) nell’ambito delle celebrazioni italiane Mae della giornata mondiale dell’alimentazione. L’evento  che si svolge il 28 ottobre a Milano, a Palazzo Clerici,  si caratterizzerà in due momenti : le origini della crisi alimentare: speculazione, climate change e nuovi consumi; e le conseguenze: crisi alimentare e instabilita’ politica.
La crisi finanziaria sembra abbia messo in secondo piano l’allarme sulla crisi alimentare lanciato nei mesi scorsi. Eppure – secondo quanto afferma l’Ispi – tutte le crisi dell’ultimo periodo appaiono connesse l’una all’altra: le cause della crisi alimentare sono intrecciate con quelle di altre tre crisi: con la crisi energetica, con la crisi climatica, con quella economica.
La conferenza – secondo quanto anticipato dall’Ispi -  affronta la crisi alimentare come elemento capace di influenzare profondamente la politica e l’economica internazionali. In particolare il dibattito sara’ focalizzato sulle origini e conseguenze politiche  e sociali della crisi alimentare che sta divenendo un elemento scatenante di migrazioni ed emergenze sanitarie, nonché un fattore di instabilità politica interna ed internazionale, possibile motivo di conflitti tra stati che si contendono risorse esigue.  A questa emergenza vanno aggiunte le situazioni di cronica carenza alimentare nel sud est asiatico, in Sudan, in Somalia e in larga parte dell’Africa Sub-sahariana: situazioni che non solo sono fonte di instabilità politica, ma anche conseguenza della stessa. La scarsità alimentare si delinea quindi come un fattore destabilizzante capace di incidere sulla politica mondiale.

Luogo:

Rome

8321
 Valuta questo sito