Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia - Albania: la cooperazione bilaterale

Data:

27/10/2008


Italia - Albania: la cooperazione bilaterale

I colloqui del ministro degli Affari Esteri, Franco Frattini oggi a Tirana si svolgono in un momento di intensi ed eccellenti rapporti bilaterali. Primo partner commerciale dell’Albania, primo investitore per numero di imprese operanti nel Paese, primo donatore bilaterale, l’Italia ha confermato nel 2007 la posizione di leader con una quota del 35% del commercio albanese. Rispetto al 2006, le esportazioni italiane sono aumentate del 21% (€ 815,1 milioni) e le importazioni del 10,8% (€ 460 milioni). Tassi di crescita costanti (circa il 6% annuo da un decennio) ed una politica fiscale volta a favorire gli investimenti dall’estero hanno consentito il progressivo radicamento dei nostri investimenti nel Paese. La prospettiva europea di Tirana rafforza tale tendenza.
Il 2008 conferma la crescita dell’interscambio: nel 1° semestre le esportazioni italiane sono cresciute del 12,7% (€443 milioni) e le importazioni del 5,5% (€249 milioni).
La presenza di rilevanti gruppi bancari italiani, rafforzatasi negli ultimi anni, può costituire uno stimolo per l’ulteriore sviluppo degli investimenti italiani in Albania. Prospettive di crescita in tal senso si presentano nel settore delle infrastrutture, per il quale il Governo albanese si è dichiarato propenso al rilascio di concessioni a società straniere, e nell’ambito del processo di privatizzazione, in particolare nel settore energetico.
L’Albania dispone di €212,9 milioni stanziati dall’Unione Europea con lo strumento di Assistenza di Pre-Adesione (IPA).

La cooperazione nel settore Energia
Il Gruppo Marseglia, primo al mondo nel settore della produzione di energia elettrica da biomasse liquide, ha progettato in Albania la costruzione di un impianto nella regione di Lezha (nord). Il progetto da un valore complessivo di €1 miliardo dovrebbe collocarsi ai vertici mondiali nel settore per capacità produttiva. Nelle previsioni dell’azienda, i lavori dovrebbero iniziare nella primavera del 2009. Altre grandi aziende italiane, come ENEL e Terna, sono interessate allo sviluppo del settore energetico albanese.

La cooperazione nel settore Affari Interni e Giustizia
La collaborazione giudiziaria e di polizia ha assunto una rilevanza cruciale nelle relazioni con l’Albania. Essa ha favorito, negli ultimi anni, il conseguimento di rilevanti risultati nella lotta ai traffici illeciti. Nel 2007 la cooperazione bilaterale si è ulteriormente sviluppata con la firma di due nuovi accordi, in materia di collaborazione nella lotta contro la criminalità e di collaborazione giudiziaria penale prontamente ratificati dall’Albania (la ratifica italiana dell’accordo di polizia è imminente mentre per l’accordo di cooperazione giudiziaria l’iter dovrebbe concludersi in tempi brevi). E’ in corso di negoziato il Protocollo bilaterale di attuazione dell'Accordo di riammissione tra Comunità Europea ed Albania (entrato in vigore il 1 maggio 2006). Tale nuovo strumento consentirebbe ad Italia ed Albania di aggiornare le modalità operative in tema di riammissione delle persone in soggiorno irregolare.


Luogo:

Rome

8322
 Valuta questo sito