Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dal Parlamento - Italiani all’estero: audizione del sottosegretario Mantica alla Commissione Esteri Senato

Data:

31/10/2008


Dal Parlamento - Italiani all’estero: audizione del sottosegretario Mantica alla Commissione Esteri Senato

Il sottosegretario Alfredo Mantica ha illustrato mercoledi’ 29 ottobre alla Commissione Esteri del Senato le principali tematiche relative alle politiche per gli italiani all’estero.
Ecco i punti essenziali, secondo il resoconto sommario del Senato.

La prima Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo
Il sottosegretario ricorda innanzitutto la prima la prima Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo programmata per il prossimo dicembre presso la sede della Camera dei deputati, con la partecipazione delle principali istituzioni politiche italiane e di delegati da tutti i continenti. Gli argomenti fondamentali che verranno analizzati riguardano il sistema di rappresentanza delle comunita‘ all’estero, la problematica del lavoro nel mondo, l’esigenza di adeguata informazione delle comunita‘ stanziate all’estero, la tutela della specifica identita‘ nazionale in contesti multiculturali e, infine, la diffusione e l’insegnamento della lingua.

A Roma un museo virtuale dell’emigrazione
Mantica annuncia un’iniziativa del governo per l’istituzione di un museo virtuale dell’emigrazione, da collocare presso il complesso del Vittoriano in Roma, il quale consenta un collegamento con i numerosi musei distribuiti sul territorio e sia destinato ad essere visitato soprattutto dalle scolaresche, e la cui durata coincida simbolicamente con le celebrazioni del 150º anniversario dell’unita‘ italiana.
Un migliore raccordo tra Parlamento e Comunita’ all’estero
Un’ulteriore problematica di stringente attualita‘, secondo Mantica e’ costituita dalla necessita‘ di un migliore raccordo tra Parlamento e comunita‘ all’estero, da un lato, e, dall’altro, tra i parlamentari eletti all’estero e la rete diplomatica e consolare. Per quanto concerne, le modalita‘ di confronto tra i parlamentari eletti nella circoscrizione estero e il Governo, Mantica ritiene utile l’istituzione, quanto piu‘ rapidamente possibile, di un tavolo di concertazione sulle grandi riforme, il quale potrebbe in prima battuta analizzare ipotesi di riforma dei sistemi di rappresentanza delle comunita‘ italiane all’estero, attualmente incentrati sul Consiglio generale degli italiani all’estero (CGIE) e sui Comitati degli italiani residenti all’estero (COMITES) oltre che, di recente, dai deputati e senatori, con una sovrapposizione di competenze.  A tale proposito fa presente che il prossimo rinnovo di CGIE e COMITES e‘ previsto per il 2009 per una durata fino al 2013 e che eventuali riforme che dovessero riguardarli potrebbero essere adottate in tempi rapidi onde consentire, rinviando di un anno il rinnovo, la ricostituzione secondo nuove regole.

Esigenza di riforme
Mantica sottolinea  inoltre l’esigenza che nell’ambito del dibattito sulla revisione costituzionale della struttura del Parlamento si inserisca anche la questione del numero e delle caratteristiche dei parlamentari eletti nella circoscrizione estero.

Il sottosegretario, infine, sottopone all’attenzione della Commissione la necessita‘ di una riforma degli istituti di cultura e delle scuole italiane all’estero.  Rappresenta poi l’opportunita‘ di una riflessione sulla struttura della rete diplomatica e consolare, i cui fondi sono stati oggetto di riduzioni che ne impongono un riesame dei compiti ed un’analisi dell’efficienza.  Fa osservare infine come tutte le considerazioni teste´ svolte siano fortemente influenzate dall’incisivo ridimensionamento degli stanziamenti destinati al Ministero degli affari esteri negli ultimi anni e per il 2009.  Poiche´ nell’ambito delle pur limitate risorse sono consentite all’internodi ciascun Dicastero rimodulazioni delle destinazioni, occorre individuare precise priorita‘ e recuperare fondi ove possibile, anche mediante una riflessione sui contributi che l’Italia versa quale Paese donatore alle organizzazioni internazionali.


Luogo:

روما،

8335
 Valuta questo sito