Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Foro di dialogo italo-francese

 

Foro di dialogo italo-francese
In occasione del Vertice di Perigueux del novembre 2001 venne deciso di istituire un Foro di dialogo permanente a livello delle rispettive società civili, analogo a quello esistente dal 1986 con i tedeschi, dal 1993 con i britannici e dal 1999 con gli spagnoli.
Il Presidente Chirac nominava quale Coordinatore per parte francese Bruno Racine, mentre il Presidente Berlusconi aveva da parte sua designato il Dr Rainer Masera.
Al Foro partecipano i responsabili delle principali imprese dei due Paesi, in qualità di membri, oltre a personalità del mondo politico, economico ed accademico, invitati. Il supporto organizzativo è assicurato dall’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI).
La prima edizione si e’ svolta a Torino il 29 aprile 2004, articolato in varie sessioni tematiche dedicate rispettivamente ai fattori strutturali della crescita in Europa, alle grandi reti, al cambiamento sociale in Francia e in Italia, alla gestione del patrimonio culturale, all’immagine reciproca della Francia in Italia e dell’Italia in Francia ed alla ricerca scientifica.
La seconda edizione ha avuto luogo a Parigi il 27 maggio 2005, con un’agenda concentrata su “Francia e Italia: quale strategia di crescita di fronte ai Paesi emergenti” e su “Educazione, Cultura e Ricerca”.
La terza edizione ha avuto luogo contestualmente al Vertice di Nizza, il 30 novembre 2007; nuovo Coordinatore per parte italiana è stato l’ing.Pasquale Pistorio e per parte francese Antoine Bernheim. L’argomento della riunione è stato “QUALE MEDITERRANEO PER FRANCIA E ITALIA?”; i lavori si sono articolati in due gruppi, un primo su “Gli strumenti finanziari per una cooperazione nel Mediterraneo”, un secondo su “Energia e Mediterraneo
Dopo le dimissioni dell’ing.Pistorio, nuovo Coordinatore italiano è stato designato il dott.John Elkann, Vice Presidente di FIAT; per parte francese è stato confermato Antoine Bernheim. La IV edizione del Foro si concentrerà su alcuni aspetti della crisi finanziaria e sulla questione Energia/Ambiente.

711
 Valuta questo sito