Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Indonesia partner strategico dell’UE per il sudest asiatico

 

Indonesia partner strategico dell’UE per il sudest asiatico

L’Indonesia, assurta ormai al ruolo di potenza regionale e modello di coesistenza tra democrazia, Islam e modernità, rappresenta un partner di grande importanza per la politica europea nel Sudest Asiatico. L’UE ha interesse a rafforzare la collaborazione con Jakarta in particolare in materia di sicurezza, salvaguardia dei diritti umani, lotta ai cambiamenti climatici.
Il dialogo politico UE-Indonesia si svolge attraverso regolari contatti a livello tecnico e incontri ministeriali annuali. E’ stata inoltre decisa la creazione di un nuovo foro di dialogo sui diritti umani. Dal 2007 sono in corso negoziati per la conclusione di un Accordo di libero scambio (FTA – Free Trade Agreement) tra l’UE e l’ASEAN, da cui trarrà certamente beneficio anche il rapporto economico-commerciale fra UE e Indonesia.

Jakarta preme per un Sudest asiatico integrato
L’Indonesia è uno dei più attivi ed influenti membri dell’ASEAN (Associazione degli Stati dell'Asia Sud-Orientale), di cui ospita il Segretariato presso il quale è stato recentemente accreditato l’Ambasciatore d’Italia a Jakarta. Primo Paese e prima economia del Sudest asiatico per PIL, l’Indonesia gioca il ruolo di potenza regionale ed esercita una costruttiva leadership su importanti tematiche, quali la lotta al terrorismo, il dialogo interreligioso, i cambiamenti climatici, la promozione della democrazia e dei diritti umani, lo sviluppo sostenibile. L’ASEAN mira a raggiungere la creazione di una comunità economica entro il 2015 e di un mercato unico con quasi 600 milioni di abitanti.
L’entrata in vigore nel dicembre scorso della Carta dell’ASEAN segna un traguardo importante per l’Organizzazione e per il continente asiatico. Il blocco regionale del Sudest asiatico – cui appartengono i dieci Paesi dell’area – acquista così un nuovo profilo e una nuova dimensione interna che rafforza l’obiettivo di una crescente integrazione e di un maggiore rispetto dei principi democratici e dei diritti umani. La Carta prevede anche l’istituzione di un organismo di tutela dei diritti umani, che, seppure al momento non dotato di un meccanismo di implementazione, rappresenta un risultato politico di grande rilievo.
Il ministro Wirajuda è reduce dall’ultimo vertice ASEAN sotto presidenza thailandese, conclusosi nel fine settimana con l’avallo di un pacchetto coordinato di misure per far fronte agli effetti della crisi economica e finanziaria internazionale: stimolo alle attività economiche, agevolato accesso al credito, rigetto di tendenze protezioniste i principi cui si ispira l’azione ASEAN per tutelare le economie dell’area, fortemente orientate all’esportazione, duramente colpite dalla crisi.
La dichiarazione adottata dai Capi di Stato esplicitamente menziona l’obiettivo di una comunità analoga all’Unione Europea, vista come ispirazione per il processo ASEAN.

Bali Democracy Forum

Il 10-11 dicembre 2008 l’Indonesia ha lanciato, su iniziativa di Wirajuda,  il “Bali Democracy Forum”, con la partecipazione di 32 Paesi asiatici e del Pacifico (l’Italia era presente come osservatore) per un confronto informale sui temi della democrazia e dello sviluppo, cardini su cui si fonda il modello indonesiano di democrazia e pluralismo tra i Paesi emergenti. Tra gli obiettivi principali del Forum:

  • promuovere lo sviluppo attraverso il dialogo e la condivisione di esperienze per  un rafforzamento delle istituzioni democratiche nella regione;
  • avviare strategie condivise per il mantenimento della pace, della stabilità e della prosperità ai tre livelli, nazionale, regionale, multilaterale, secondo il modello -  coniato da Wirajuda - dei cosiddetti “anelli concentrici della democrazia”;
  • istituire strumenti comuni con funzioni di ricerca e studio. Per sostenere le attività del Forum, il Governo indonesiano ha lanciato la costituzione dell`Istituto per la Pace e la Democrazia presso l`Università di Udayana di Bali, con il compito di realizzare workshop, ricerche e attività di networking.

718
 Valuta questo sito