Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Mostra internazionale RICORDI “That’s Opera” – 200 anni di musica italiana (Bruxelles, 14 novembre 2008- 30 marzo 2009)

Data:

07/01/2009


Mostra internazionale RICORDI “That’s Opera” – 200 anni di musica italiana (Bruxelles, 14 novembre 2008- 30 marzo 2009)

A conclusione del triennio dedicato alle celebrazioni per il proprio bicentenario La Ricordi, il più importante editore musicale d’Italia, ha inaugurato “THAT’S OPERA”, una grande mostra internazionale che per la prima volta racconta e illustra il processo di costruzione di un’Opera lirica dalla genesi creativa fino alla realizzazione della sua messinscena. La mostra inaugurata al “Tour & Taxis” - nuovo quartiere culturale di Bruxelles -  alla presenza dell’Ambasciatore d’ITalia a Bruxelles, Sandro Maria Siggia, resterà aperta nella capitale europea  fino al 30 marzo 2009 per poi iniziare il suo tour mondiale che la vedrà arrivare a San Pietroburgo, Pechino, Berlino, New York e proseguire in molte altri capitali mondiali per approdare, infine, nel 2015 a Milano, in occasione dell’Expo.

Ideata e promossa da Ricordi & C., in collaborazione con il Comune di Milano, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e con il sostegno dell’Istituto di Cultura di Bruxelles, la mostra è un viaggio affascinante, dall’Ottocento ad oggi, alla scoperta di tutte le fasi di creazione di un’Opera: dalla stesura del libretto, alla scrittura della partitura, dal disegno delle scenografie e dei costumi, alla rappresentazione finale.

Grazie ad un allestimento all’avanguardia, i visitatori potranno scoprire l’imponente e invisibile macchina produttiva che permette ad un’idea letteraria di diventare Opera. Dal primo schizzo alla rappresentazione teatrale, dalla stesura del libretto alla scrittura della partitura, dal disegno delle scenografie e dei costumi alla preparazione dei cantanti, sino all’effettiva produzione teatrale, il processo creativo di ciascuna opera viene rappresentato in cinque aree tematiche, che sono disposte in “cubi”.
La particolarità della mostra sta nel connubio tra l’esposizione di documenti storici e un allestimento ad alto livello tecnologico
La mostra si articola in sette fasi che rappresentano i punti cardinali della storia operistica:
“Aida“ e “Falstaff“ di Giuseppe Verdi, “La Bohème“, “Tosca“ e “Madame Butterfly“ di
Giacomo Puccini, unitamente a “Prometeo“ di Luigi Nono (1984) e a “Teneke“ (basata sullanovella dell’autore curdo Yasar Kemal) del compositore contemporaneo Fabio Vacchi, che ha debuttato in prima mondiale al teatro La Scala di Milano il 22 settembre del 2007, giusto un anno fa.
I cubi in cui sono rappresentate le fasi creative di un’Opera, affrontano questo tema nel contenuto e nel design artistico. Ogni cubo tratterà un’Opera come esemplificazione del processo mediante il quale hanno preso vita le opere stesse, offrendo al contempo un’esperienza spaziale e visiva unica e stupefacente.


Luogo:

Rome

8533
 Valuta questo sito