Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il Ministro Frattini al Consiglio dell’Unione Europea. Sessione Affari Generali e Relazioni Esterne

Data:

26/01/2009


Il Ministro Frattini al Consiglio dell’Unione Europea. Sessione Affari Generali e Relazioni Esterne

Il Ministro Frattini si trova oggi a Bruxelles per partecipare al Consiglio dell’Unione Europea. Sessione Affari Generali e Relazioni Esterne.
Il tema centrale della sessione Relazioni Esterne del 26 gennaio è il dibattito sulla situazione a Gaza e sul Processo di Pace in Medio Oriente in vista della definizione di un possibile contributo europeo, anche alla luce di quanto emerso nel pranzo di lavoro tenutosi ieri tra i Ministri degli Esteri dei 27 con i Ministri degli Esteri egiziano, giordano, turco e palestinese (che fa seguito a quello tenutosi, mercoledi’ scorso, con il Ministro degli esteri israeliano), nel corso del quale il Ministro Frattini ha illustrato un piano italiano in tre punti per la Palestina.

In particolare, la discussione si concentrerà sugli sviluppi della situazione sul terreno, sulla missione della Troika, sulla possibilità di (ri)organizzare una presenza PESD ai valichi della Striscia di Gaza (in primis attraverso un rilancio della missione EUBAM Rafah) e sulla possibile Conferenza dei donatori per Gaza, che la Presidenza ceca vorrebbe tenere nel mese di febbraio.
Oltre alla presentazione delle priorità del semestre da parte della Presidenza ceca, sarà trattato il tema della sicurezza energetica, anche come seguito del Consiglio informale Affari Generali dell’8 gennaio a Praga. Verrà effettuata un’analisi politica della crisi legata agli approvvigionamenti di gas, cui farà seguito un dibattito sulle prospettive delle relazioni con Russia e Ucraina
Verrà affrontata la questione della chiusura del carcere di Guantanamo, nella prospettiva di definire una posizione comune da parte dell’Unione Europea, anche con riferimento all’eventualità di accogliere ex detenuti della struttura in territorio europeo.


Luogo:

Roma

8585
 Valuta questo sito