Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il Ministro Frattini incontra i rappresentanti del CERN e del Coi (Ginevra-Losanna 29 gennaio 2009)

Data:

29/01/2009


Il Ministro Frattini incontra i rappresentanti del CERN e del Coi (Ginevra-Losanna 29 gennaio 2009)

Il ministro degli Affari Esteri, Franco Frattini incontra oggi a Ginevra  i rappresentanti del CERN (European Organization for Nuclear Research) e successivamente a Losanna I rappresentanti del  Comitato Olimpico Internazionale (COI).

Il CERN è il maggiore laboratorio di fisica al mondo e potrebbe svilupparsi ulteriormente in futuro, passando dall’attuale configurazione a carattere essenzialmente europeo ad una a carattere globale, grazie all’adesione di nuovi partner.
La partecipazione italiana al Cern (340 ,su circa 2500 dipendenti, sono italiani) ne ha segnato la storia sin dal suo concepimento. Tra i padri fondatori figurano Edoardo Amaldi e Gustavo Colonnetti, mentre numerose sono  le figure che hanno avuto un’influenza fondamentale sulle scelte e sulla qualita’ delle ricerche svolta dal Cerne nei 50 anni della sua storia.
Dal marzo 2009 il responsabile del piu’ grande fra gli esperimenti (ATLAS) sara’ una ricercatrice italiana, Fabiola Gianotti, prima donna nella storia a guidare una collaborazione di tali dimensioni.
Ammonta a circa 126.5 milioni di Franchi pari a 11.5% del totale il contributo dell’Italia per il 2009. Il  nostro Paese e’ attualmente il quarto contribuente. La partecipazione italiana italiana e’ legata per l’aspetto politico/gestionale al Ministero degli Esteri, per l’aspetto finanziario al Ministero dell’Istruzione, Universita’ e Ricerca, per l’aspetto scientifico/tecnico all’INFN.
Il CERN e’ impegnato attualmente nella messa a punto della macchina acceleratrice LHC (Large Hadron Collider) e degli esperimenti ad essa collegati.
 
La visita  del Ministro Frattini ai rappresentanti del CIO a Losanna si svolge a due mesi  dalla presentazione della richiesta italiana al Segretario Generale delle Nazioni Unite di includere nell’agenda della 63° sessione dell’Assemblea Generale l’item ‘’Observer status for the International Olympic Committee’’. La richiesta e’ stata corredata da una lettera del Ministro Frattini e da un memorandum esplicativo. L’iniziativa nasce dalla convinzione che l’attivita’ sportiva costituisca una parte fondamentale della politica culturale e di sviluppo del nostro Paese e si inquadra nella costante azione di sostegno allo sport svolta in ambito nazionale ed in quello internazionale.
La partecipazione del Comitato Olimpico Internazionale ai lavori dell’Assemblea Generale delle NU in qualita’ di osservatore consentirebbe a tale organo di seguire da vicino i dibattiti che portano all’adozione di risoluzioni in questi settori in cui la collaborazione con il sistema delle Nazioni Unite e’ particolarmente attiva.
Ora sara’ Il comitato Generale dell’Assemblea Generale della NU, prima dell’Assemblea stessa, a dover esprimere un parere sulla richiesta italiana.


Luogo:

روما

8600
 Valuta questo sito