Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Mostra: “I mosaici di Gamzigrad” a Belgrado. Il restauro finanziato dalla Cooperazione italiana

Data:

25/02/2009


Mostra: “I mosaici di Gamzigrad” a Belgrado. Il restauro finanziato dalla Cooperazione italiana
“I mosaici di Gamzigrad”: è questo il titolo di una mostra che, inaugurata presso il Museo Nazionale di Belgrado, restera’ aperta sino al 1 marzo. La rassegna e’ frutto di un progetto completamente finanziato dalla Cooperazione italiana alla sviluppo presso il Ministero degli affari esteri, attraverso la supervisione dell’Ambasciata d’Italia a Belgrado.

Lo scopo del progetto - realizzato grazie al supporto di qualificati esperti italiani dell’Istituto superiore della conservazione e del restauro (Iscr) - è stato l’organizzazione di un corso per tecnici serbi, ai quali è stato affidato il restauro di due mosaici provenienti dagli scavi della Felix Romuliana custoditi al Museo Nazionale di Zajecar, nella Serbia sud orientale, e risalenti al periodo compreso tra la fine del III e l’inizio del IV secolo dopo Cristo. Appartenenti entrambi al complesso residenziale fatto realizzare dall’imperatore Gaio Galerio Valerio Massimiano, i due mosaici sono “Il labirinto”, scoperto nel 1957, e il “Dioniso in festa”, venuto alla luce nel 1969.

Il progetto è parte di un programma più ampio a favore del laboratorio specialistico di restauro del Museo nazionale di Belgrado, il cui finanziamento complessivo è stato, tra il 2006 e il 2008, di 349 mila euro. Mentre resta tuttora in corso di approvazione un ulteriore finanziamento da 3 milioni di euro, per la creazione di un Istituto nazionale per il restauro serbo.

“Riteniamo che la cultura sia un veicolo fondamentale di riconoscimento reciproco delle proprie radici, per poter condividere con gli altri popoli una storia fatta di differenze, ma anche di molti punti comuni", ha detto all'inaugurazione l'architetto Anna Zambrano, direttrice della Cooperazione italiana a Belgrado.

"Con un piccolo progetto dal punto di vista del finanziamento - ha  commentato Alessandro Merola, ambasciatore d'Italia a Belgrado - siamo riusciti ad ottenere un grosso risultato dal punto di vista dello scambio del ‘know how’ in un campo in cui l'Italia eccelle". Merola ha inoltre aggiunto che “Il nostro obiettivo è quello di arrivare al finanziamento per la creazione di un Istituto nazionale per il restauro con l'assistenza del nostro Istituto superiore per la conservazione e il restauro".


Luogo:

Roma

8690
 Valuta questo sito