Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Africa: ICA, aumentare gli sforzi per ridurre l’impatto della crisi mondiale sugli investimenti per le infrastrutture

Data:

11/03/2009


Africa: ICA, aumentare gli sforzi per ridurre l’impatto della crisi mondiale sugli investimenti per le infrastrutture

La crisi economica mondiale colpisce gli investimenti per le infrastrutture in Africa e mancano ancora 8 miliardi di dollari per arrivare ai 20 miliardi l’anno necessari per uno sviluppo efficiente, quindi bisogna aumentare gli sforzi per trovare altri capitali, soprattutto privati. Queste le conclusioni della riunione annuale dell'Infrastructure Consortium for Africa (ICA), ospitata dalla presidenza italiana del G8 alla Farnesina.

“Non bisogna sottovalutare l’impatto della crisi economica sugli investimenti in Africa per le infrastrutture, in particolar modo quelli privati”, ha spiegato il coordinatore dell’ICA Alex Rugamba, sottolineando che bisogna porre le basi perché l’Africa possa beneficiare della ripresa, quando questa crisi mondiale finirà. 
Il vicepresidente della Banca Africana di Sviluppo Mandala Gantsho ha sottolineato l'esito positivo del meeting, ricordando che l'Unione Africana nel suo ultimo vertice ha stabilito una "chiara strategia" per lo sviluppo delle infrastrutture nel continente.
 
Il vertice dell’ICA è stato ospitato alla Farnesina, nell’ambito della presidenza italiana del G8, che ha posto lo sviluppo dell’Africa tra le priorità del summit della Maddalena a luglio.

Scotti, favorire intervento privati
Ai lavori ha partecipato il Sottosegretario agli Affari Esteri Vincenzo Scotti, che ha proposto  l'utilizzo "di meccanismi finanziari che attenuino il rischio e favoriscano maggiori finanziamenti da parte di privati".  "Progetti di infrastrutture importanti richiedono una grossa mobilitazione di capitale", ha spiegato Scotti, sottolineando che  "non puo' essere tutto affidato agli aiuti statali. Serve capitale privato e per incrementare questi flussi bisogna utilizzare strumenti che riducano il rischio per questo tipo di investimenti".
La proposta italiana, che sarà sottoposta anche al G8 della Maddalena, ha riscosso l’interesse dell’ICA.


Luogo:

روما

8754
 Valuta questo sito