Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Incontro Frattini Calmy-Rey; verso adeguamento Svizzera a principi Ocse di trasparenza in materia fiscale

Data:

23/03/2009


Incontro Frattini Calmy-Rey; verso adeguamento Svizzera a principi Ocse di trasparenza in materia fiscale
L'Italia apprezza la volontà della Svizzera di adeguarsi ai principi di trasparenza stabiliti dall'Ocse in materia finanziaria, con una "collaborazione estesa non soltanto ai casi di frode ma anche ai casi di evasione fiscale", ma ora questa apertura "dovrà concretizzarsi nella modifica degli accordi bilaterali sulle doppie imposizioni". Lo ha detto il ministro degli Affari Esteri Franco Frattini  a conclusione dell’incontro alla Farnesina con il suo omologo svizzero Micheline Calmy-Rey. "Dovremo privilegiare strumenti che aumentano la collaborazione per la trasparenza e non gli strumenti che aumentano le divisioni", ha  aggiunto Frattini.  Nessun Paese dell'Ue figurerà nella 'lista nera' dei paradisi fiscali perché Austria, Lussemburgo, Belgio e Svizzera hanno deciso di cooperare nella lotta all'evasione e nelle indagini su ogni altra forma di criminalità economico-finanziaria. L'ultimo punto sulla lotta ai paradisi fiscali è stato fatto durante il vertice Ue di Bruxelles dei giorni scorsi.
 
Libia-Svizzera: Italia pronta a mediare
Sulla vicenda del contenzioso tra Svizzera e Libia in seguito all’arresto nel luglio scorso, da parte delle autorita’ elvetiche, di Hannibal Gheddafi, figlio del leader libico Muammar Gheddafi, con l’accusa di aver maltrattato i propri domestici, Frattini ha annunciato che l’Italia ‘’e’ pronta a fare la sua parte’’.
 L'Italia, ha spiegato il Ministro, può intervenire con Tripoli per un "rasserenamento in favore della Svizzera" in virtù della "particolare amicizia" con la Libia. La vicenda dell'arresto di Hannibal Gheddafi (poi rilasciato) aveva aperto una crisi tra Svizzera e Libia, con una serie di ritorsioni da parte di Tripoli, come il blocco delle forniture petrolifere e il divieto a cittadini svizzeri di lasciare la Libia.

Luogo:

Roma

8801
 Valuta questo sito