Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Festival della Matematica 2009 a Roma e New York per salvare il mondo con i numeri

Data:

26/03/2009


Festival della Matematica 2009 a Roma e New York per salvare il mondo con i numeri

Salvare il mondo con i numeri è stato il filo rosso che ha contraddistinto la terza edizione del Festival della Matematica, che si è sviluppato tra Roma e New York dal 10 al 22 marzo, a cui hanno partecipato otto premi Nobel. Il MAE ha dato il suo contributo collaborando all’organizzazione della sessione americana, attraverso l’Istituto Italiano di Cultura a New York.

La manifestazione, sotto l’alto Patronato del Presidente della Repubblica, è stata promossa dalla Provincia di Roma, prodotta dalla Fondazione Musica per Roma, con la direzione scientifica di Piergiorgio Odifreddi.

A New York il premio Nobel per l’economia Daniel Kahneman ha parlato del ragionamento statistico, il re dei frattali Benoit Mandelbrot del disordine dei mercati. Con il premio Nobel per l’economia John Nash e il grande matematico Harold Kuhn sono state ricostruite le origini della teoria dei giochi, mentre il premio Nobel per la fisica Shelly Glashow ha aperto i lavori con una lezione sull’irragionevole efficacia della matematica. Con il matematico scopritore della quarta dimensione Thomas Banchoff e il filosofo Achille Varzi si è viaggiato attraverso il mondo fantastico di Flatlandia, Racconto fantastico a più dimensioni, un classico del XIX secolo scritto da Edwin Abbott Abbott.

A Roma, all’Auditorium Parco della Musica, ha sfilato l’eccellenza del pensiero scientifico-filosofico, come le medaglie Fields per la matematica Edward Witten, Timothy Gowers, Vaughan Jones, il premio Nobel per la fisica Arno Penzias, il fisico italiano Nicola Cabibbo, presidente della Pontificia Accademia delle Scienze, i premi Nobel per la chimica Roald Hoffmann e Richard Ernst, i premi Nobel per l’economia Robert Mundell, John Nash e Thomas Schelling. E poi ancora scrittori e giornalisti scientifici italiani. Non sono mancati i giochi (come il sudoku e l’enigmistica) per un utile training mentale.


Luogo:

روما

8817
 Valuta questo sito