Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

L’intervista - Scotti,  in Peru’ e Cile per rafforzare la cooperazione Italia-Latino America. Il Sottosegretario traccia un bilancio della sua missione

Data:

03/04/2009


L’intervista - Scotti,  in Peru’ e Cile per rafforzare la cooperazione Italia-Latino America. Il Sottosegretario traccia un bilancio della sua missione

Il Sottosegretario Vincenzo Scotti traccia un bilancio che definisce ‘’estremamente positivo’’ della sua missione in America Latina svoltasi a fine marzo. Imprenditori e rettori di Universita’ italiani e peruviani si sono confrontati  per verificare ‘’che cosa e’ possibile fare insieme’’ mentre  in Cile il Sottosegretario ha firmato un protocollo di azione comune che prevede una cooperazione rafforzata.
La missione in vista  della quarta Conferenza Italia-Latino-America che si svolgera’ a Milano il 2 dicembre prossimo.
Ecco l’intervista al Sottosegretario Scotti

Sottosegretario Scotti puo’ tracciare un bilancio della sua recente missione in Peru’ e Cile?
- Il bilancio e’ stato estremamente positivo. In Peru’ c’e’ stato un Forum, aperto dal Presidente peruviano,  che ha visto la presenza di oltre settanta imprenditori italiani, di oltre venti Universita’ ed otto Rettori  che hanno dato vita ad un dialogo molto  serrato su progetti  comuni e su  intese possibili. Gli  imprenditori italiani hanno incontrato imprenditori peruviani e hanno studiato sul campo cosa era possibile fare insieme. In modo particolare le Universita’,  di entrambi i Paesi, hanno firmato un protocollo d’intesa per lavori comuni e alcune Universita’ hanno fatto accordi per progetti di ricerca e collaborazione per la formazione degli studenti.  Ho avuto incontri politici con il Ministro ed il Vice ministro degli Esteri sulle materie di cooperazione  economica in vista della quarta conferenza Italia-Latino-America che si svolgera’ a Milano il 2 dicembre prossimo.
In Cile  e’ stata una visita molto mirata sulla cooperazione bilaterale con la firma di un protocollo di azione comune che prevede una cooperazione rafforzata, con periodiche  revisioni del lavoro fatto e che spazia dal campo dell’economia, della ricerca, della formazione universitaria, della sicurezza e soprattutto della cooperazione politica.


Le due prossime tappe che vedono l‘America Latina protagonista sono il vertice ibericoamericano a novembre e la Conferenza Italo-Latino-america a dicembre a Milano. Qual e’ l’impegno ed il ruolo dell’Italia?
- Stiamo realizzando  un’intesa con la Spagna ed il Portogallo per una cooperazione in Europa con riguardo ai  rapporti latino-America. In questo contesto l’Italia sara’ presente come osservatore al Vertice iberoamericano di fine novembre e immediatamente dopo si aprira’ a Milano la quarta  conferenza Italia-Latino America, alla quale parteciperanno quattro Capi di Stato nonche’ Ministri degli esteri e dell’economia. Il vertice di Milano si caratterizzera’’ soprattutto per la  cooperazione  economica  e culturale che sara’ affrontata in quattro sezioni. Nella prima si parlera’ della  cooperazione economica nel campo delle infrastrutture in America  latina; nella seconda della cooperazione culturale e scientifica; nella terza del rapporto tra piccole imprese tra i due Paesi, con riferimento anche ai finanziamenti; nella quarta delle esperienze  di cooperazione transfrontaliere che in Europa abbiamo portato avanti in questi anni e che si stanno sviluppando anche nel continente latino-americano. Al centro della Conferenza ci sara’ anche il tema dell’integrazione all’interno del continente latino-americano e l’integrazione tra l’Europa e l’America-latina. La  conferenza avra’ come primo focus generale il tema degli effetti della crisi economica-finanziaria sull’America latina con riferimento  a quanto in questi mesi si sara’ deciso  in sede di G20 e G8.

In questa fase di crisi economica l’Italia ritiene che ci sia bisogno anche del dialogo con l’America Latina e  perche’?
- Questa crisi chiama alla corresponsabilita’ tutti e quindi anche i Paesi latino-americani. La cooperazione tra l’Italia e l’America Latina  fa parte di un’antica vocazione del nostro Paese: sono da quarantatre anni  che abbiamo dato vita in Italia all’Istituto Latino-Americano che e’ un istituto internazionale e che rappresenta  tutti Paesi dell’America latina in un impegno straordinario portato avanti da lungo tempo..  Forse superando alcuni momenti di non forte presenza, l’Italia riprendera’ il cammino della sua vocazione di rapporti  verso quel Continente.


Luogo:

روما

8868
 Valuta questo sito