Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Conclusioni del CAGRE (Lussemburgo, 27 aprile): mobilitazione contro influenza da suini, negoziati Croazia, rinnovo sanzioni Birmania

Data:

28/04/2009


Conclusioni del CAGRE (Lussemburgo, 27 aprile): mobilitazione contro influenza da suini, negoziati Croazia, rinnovo sanzioni Birmania

L'Unione Europea si mobilita contro i rischi di una pandemia da influenza da suini mentre l'Italia, ha annunciato il Ministro Frattini, in quanto presidente di turno attiverà il G8 per assicurare un coordinamento tra gli otto Grandi, la UE e i Paesi emergenti. Le misure di prevenzione e contrasto europee saranno definite in una riunione straordinaria dei Ministri della sanità della UE, giovedì 30 aprile, convocata d'urgenza dalla Presidenza ceca. Un primo confronto è avvenuto al Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne, svoltosi a Lussemburgo. "Tra i Ministri degli Esteri della UE c'è preoccupazione, ma anche la certezza che l'Europa è in grado di lavorare bene e in coordinamento forte", ha sottolineato il Ministro Frattini, assicurando che l’Italia è pronta a fare la propria parte
mettendo a disposizione milioni di dosi di anti-virali in una banca comune di medicinali che aiuterà in modo solidale i Paesi che dovessero affrontare un'emergenza.

Il Consiglio inoltre:

  • Ha espresso il pieno supporto agli sforzi della Commissione di trovare una soluzione allo stallo dei negoziati con la Croazia per l’adesione alla UE, nella convinzione che un accordo in tal senso è alla portata.
  • Ha formulato un nuovo appello all’Iran perché si impegni a fianco della comunità internazionale in uno spirito di rispetto reciproco per risolvere la questione nucleare e supporto alla nuova politica dell'Amministrazione USA verso Teheran.
  • Ha formalizzato la procedura aperta il 24 marzo 2009 per deficit eccessivo contro Francia, Spagna, Irlanda e Grecia, per aver superato già nel 2008 il tetto massimo del 3% fissato dal Trattato di Maastricht.
  • Ha prolungato le sanzioni in vigore contro la giunta della Birmania, in scadenza il prossimo 29 aprile, per un altro anno, fino alla fine di aprile del 2010, nella convinzione che le autorità birmane debbano ancora compiere i passi necessari per rendere credibile, trasparente e comprensivo, sulla base degli standard internazionali, il processo per le elezioni previste nel 2010. Reiterato l’ appello per la liberazione della leader dell'opposizione Aung San Suu Kyi e degli altri detenuti e prigionieri politici.
  • Ha espresso preoccupazione per il perdurare del conflitto in Sri Lanka e il peggioramento della situazione umanitaria nel nord del Paese. Chiesto un cessate il fuoco immediato per permettere l’evacuazione dei civili intrappolati nell’area. Il Governo di Colombo deve iniziare un processo di pacificazione politica e le Tigri Tamil devono rinunciare alla violenza.

Luogo:

Roma

8953
 Valuta questo sito