Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il Ministro Frattini alla Giornata Europea del Mare

Data:

20/05/2009


Il Ministro Frattini alla Giornata Europea del Mare

Il Ministro Frattini è intervenuto alle celebrazioni della “Giornata europea del mare”, quest’anno ospitata dall’Italia, a Roma, ed organizzata dalla Commissione UE e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

La Giornata Europea del Mare è stata istituita lo scorso anno con una dichiarazione congiunta dei Presidenti del Consiglio, della Commissione e del Parlamento ed è fissata al 20 maggio di ogni anno. Lo scopo è dare visibilità al settore marittimo europeo nelle sue molteplici articolazioni ed evidenziarne il ruolo nella vita dei cittadini europei.

L’evento centrale è rappresentato dalla Conferenza per gli 'stakeholders', incentrata sulle strategie regionali per un approccio integrato alle questioni marittime, sullo sviluppo economico sostenibile delle regioni costiere e del settore marittimo, sui cluster marittimi e sull'agenda futura della Commissione in relazione alla Politica Marittima Integrata dell'Unione Europea.

La Conferenza si articola in due sessioni ministeriali: la prima sulla Politica Marittima Integrata dell’Unione Europea (con l’intervento del Ministro Frattini) e la seconda sulla politica marittima nel Mediterraneo (con un intervento del Sottosegretario Craxi).

Il tema della prima sessione assume un'importanza centrale nell'ambito della politica dell'UE verso il mare. Con la Comunicazione della Commissione “Una Politica Marittima integrata per l’Unione Europea” del 2007 sono state definite le linee guida della strategia comunitaria in materia, con l'obiettivo di valorizzare la dimensione marittima dell’Unione sotto diversi profili (economico, ambientale, sociale, culturale, ecc.). L'idea è superare l’approccio settoriale in favore di un approccio che integri le varie politiche riferite al “sistema mare” (trasporti, ambiente, pesca, commercio, migrazioni, ricerca, sicurezza, relazioni esterne, etc.), in coordinamento con gli operatori del settore e con gli altri Paesi.

L’Italia ha sempre sostenuto il lancio di una Politica Marittima a livello europeo per favorire il miglioramento delle infrastrutture di collegamento marittimo (fra l’altro con le cosiddette “autostrade del mare”), garantire coerenza con le politiche di gestione dei flussi migratori e di lotta all’immigrazione illegale, rafforzare la cooperazione in materia di sicurezza marittima, valorizzare le professionalità in tutti i settori collegati al cluster marittimo (dalla ricerca scientifica, alla cantieristica, al turismo nautico).

Il Ministro Frattini: Immigrazione non è solo materia di sicurezza, ma banco di prova della capacità UE a lavorare unita

 "L'immigrazione non è solo materia di sicurezza, ma è anzitutto il tema su cui si misurerà la capacità europea di lavorare insieme". Ne è convinto il Ministro  Franco Frattini che, intervenendo alla giornata europea del mare, ha definito quella migratoria "un'altra delle grandi sfide politiche europee". Il problema migratorio, ha spiegato il Ministro, non può essere di un singolo paese, "non può trattarsi - ha detto - di un problema solo italiano, maltese o spagnolo, è una questione europea e per questo bisogna trovare politiche condivise". L'immigrazione, è tornato a ribadire "é una materia che tocca tutti i paesi europei e per questo è una questione politica". Il Ministro Frattini ha quindi sottolineato l'apprezzamento per la decisione del presidente della Commissione europea José Manuel Barroso che, ha detto, ha accolto la richiesta dell'Italia di porre al centro del prossimo Consiglio europeo dei capi di stato e di governo il tema dell'immigrazione. Il Ministro ha poi spiegato che l'obiettivo dell'Europa deve essere quello di "affrontare le radici dell'immigrazione nei paesi di origine e transito" perché, ha concluso, "nessuno lascia la propria patria per piacere, ma perché è costretto a fuggire dalla povertà o dalla guerra’’.


Luogo:

Rome

9063
 Valuta questo sito