Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Croazia: Riunione del Comitato dei Ministri. Frattini, sosteniamo con forza l’ingresso di Zagabria nell’UE nel 2011

Data:

01/07/2009


Italia-Croazia: Riunione del Comitato dei Ministri. Frattini, sosteniamo con forza l’ingresso di Zagabria nell’UE nel 2011

L'Italia fornisce un “forte e convinto” sostegno all'adesione della Croazia nell’UE entro i primi mesi del 2011. Lo ha detto il Ministro Franco Frattini, al termine della riunione del Comitato dei Ministri Italia-Croazia, a Villa Madama. Bisogna riprendere le trattative “in tempi rapidissimi” e mantenere fede al calendario attuale, che prevede la conclusione dei negoziati a fine 2010, “un obiettivo ambizioso che l'Italia sosterrà”, ha puntualizzato il Ministro, sottolineando che il percorso della Croazia verso l'UE non deve essere
rallentato dal contenzioso con la Slovenia, perché “le regole europee devono avere un
percorso autonomo e le questioni bilaterali non devono interferire con le adesioni”.
 
Durante i lavori del Comitato dei Ministri sono stati raggiunti accordi in materia di
infrastrutture (ferroviarie e marittime), ambiente (per la tutela del mare Adriatico) e agricoltura (collaborazione nella ricerca scientifica). Al termine, il ministro Frattini ed il suo omologo croato Gordan Jandrokovic hanno firmato una dichiarazione congiunta per lo sfruttamento del giacimento di gas nell'Adriatico 'Anna Maria'.
“Occorre incrementare gli investimenti italiani in Croazia”, ha affermato il Ministro, annunciando che ad ottobre ci sarà un forum economico in Croazia alle presenza del Viceministro dello Sviluppo Economico Adolfo Urso.

Il Ministro degli Esteri croato Jandrokovic ha ringraziato l'Italia per il sostegno all'ingresso di Zagabria nell'UE, che sarebbe “importante per la pace e la stabilità” dell'intero sudest europeo, ed ha invitato la Slovenia a bloccare il contenzioso sui confini. Quindi, ha chiesto all'Italia di investire di più ed in diversi settori del proprio Paese.


Luogo:

Rome

9256
 Valuta questo sito