Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Forum economico Euro-Med a Milano: Ministro Frattini, un Piano nazionale dell’Italia per il Mediterraneo

Data:

21/07/2009


Forum economico Euro-Med a Milano: Ministro Frattini, un Piano nazionale dell’Italia per il Mediterraneo
‘’Un vero Piano nazionale dell’Italia per il Mediterraneo’’: e’ il messaggio lanciato dal Ministro Franco Frattini, a conclusione dei lavori del Forum economico e finanziario per il Mediterraneo di Milano che il Ministro auspica diventi  ‘permanente con cadenza annuale’’. Bisogna passare – ha aggiunto Frattini – dalla  ‘’dottrina italiana’’ sul Mediteraneo  ad un ‘’Piano nazionale in cui tutte le risorse e gli strumenti di cui disponiamo vengano messi a sistema e possano cosi’ produrre risultati ancora piu’ significativi’’. In questo contesto sono possibili ‘’sinergie tra istituzioni, mondo degli affari e capitale privato’’.

L’obiettivo, e’ comunque ‘’promuovere iniziative concrete’’ in settori prioritari, con particolare riferimento alle sei macroaree individuate dal vertice dell’Unione per il Mediterraneo di Parigi dello scorso anno: energia, infrastrutture e Pmi. Il Ministro ha fatto riferimento al ‘’contributo’’ del ‘Forum strategico’’ del Ministero, in particolare per quanto riguarda il tema delle Pmi nell’Unione per il Mediterraneo. Una delle proposte emerse e’ quella di costituire un ‘’Centro Euro-Mediterraneo per  l’innovazione e l’integrazione amministrativa’’ per favorire la crescita delle imprese, e sviluppare sinergie tra mondo della ricerca, dell’impresa stessa e della Pubblica Amministrazione. Un’altra proposta del ‘Forum’ del Mae e’ la creazione di una ‘’societa’ dell’euromediterraneo’’, un modello societario uniforme, sotto il profilo della disciplina giuridica riconosciuto dagli ordinamenti di tutti i Paesi mediterranei.
Il Ministro Frattini  ha  auspicato che il  Mediterraneo ‘’diventi un’entita’ sempre piu’ integrata dell’economia mondiale’’ e  per questo bisogna ‘’lavorare insieme affinche’ i nefasti effetti prodotti dalla crisi economica globale non disperdano il potenziale di crescita di quest’area’’, contrastando, in particolare, ‘’approcci protezionistici’’.

Luogo:

Milano

9336
 Valuta questo sito