Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Immigrazione: il Ministro Frattini, tutti i Paesi UE devono accogliere i rifugiati

Data:

24/08/2009


Immigrazione: il Ministro Frattini, tutti i Paesi UE devono accogliere i rifugiati

“Per l'Italia i rifugiati devono trovare alloggio e sostentamento secondo un criterio di distribuzione in tutti i Paesi dell'UE e non nel primo Paese dove sbarcano”. Lo ha sottolineato il Ministro Frattini dal meeting di Rimini, a proposito del capitolo immigrazione clandestina e della gestione dei flussi, spiegando che l’Italia ha fatto una richiesta specifica a Bruxelles. “Qui è mancata l'Europa - ha detto il Ministro - perché al di là dei finanziamenti e delle dichiarazioni politiche è mancata nel dire: se vi è un flusso migratorio che non possiamo contrastare, tutti e 27 ci dobbiamo fare carico in maniera proporzionale di queste persone”.

L’Unione Europea darà una prima risposta alla richieste italiane alla fine di ottobre. Lo ha detto il Presidente di turno dell’UE, il Ministro degli Esteri svedese Carl Bildt.: “Aspettiamo una proposta della Commissione che sarà discussa nel Consiglio dei Ministri degli Esteri dell'UE a fine ottobre”, ha detto Bildt, puntualizzando che si tratta di “un problema così grande che non si risolve in una sola riunione”.

Da parte sua, la Commissione ha fatto sapere che sta già lavorando molto con gli stati UE e con i Paesi vicini e che il suo Vicepresidente, Jacques Barrot, nei mesi scorsi si è recato a Lampedusa, a Malta, nelle Canarie, in Grecia e si appresta a visitare in autunno la Turchia e la Libia. La questione, ha indicato un portavoce, è quella di mettere in piedi strumenti finanziari politici e diplomatici “per fermare le tragedie che abbiamo visto la scorsa settimana”, quella cioè degli eritrei annegati nel Canale di Sicilia.

Il Ministro Frattini ha poi definito “indispensabile per l'intera comunità internazionale” il negoziato che “dura da dieci anni con Malta” per restringere lo spazio marittimo maltese per il soccorso e la ricerca. “Le nostre motovedette – ha sottolineato – fanno già il monitoraggio del tratto di mare tra Libia, Malta e gli italiani sono quelli che di gran lunga hanno salvato il maggior numero di vite umane in mare. Ma è evidente che al di là dell'immediato soccorso vi sono degli obblighi internazionali”. L'area che deve coprire La Valletta conta 250mila kmq di mare, vale a dire quasi l'equivalente dell'intero territorio italiano, “forse un po’ troppo grande per la piccola Malta”, ha osservato il Ministro.

Luogo:

روما

9414
 Valuta questo sito