Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

CAGRE: il Sottosegretario Mantica, una conferenza sull’Afghanistan a Kabul avrebbe un alto valore simbolico

Data:

15/09/2009


CAGRE: il Sottosegretario Mantica, una conferenza sull’Afghanistan a Kabul avrebbe un alto valore simbolico

Tenere una conferenza internazionale a Kabul, dopo l'insediamento del nuovo governo afghano, "avrebbe un forte valore simbolico" e sarebbe "il luogo migliore per trasmettere al popolo afghano il messaggio sulla volontà della comunità internazionale di una maggiore ownership dell'Afghanistan": lo ha detto il Sottosegretario Alfredo Mantica da Bruxelles, in occasione del Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne dell’UE (CAGRE).

L’idea di una conferenza da tenersi in suolo afghano era stata sostenuta dal Ministro Franco Frattini nell’ambito dello scorso Consiglio informale dei Ministri degli Esteri della UE a Stoccolma, con l’obiettivo di stabilire “il nuovo compact in tre punti: azione politica, ricostruzione istituzionale e civile, sicurezza”. La Conferenza internazionale dovrebbe essere organizzata dall'ONU in cooperazione con l'Afghanistan, tutti i paesi NATO e con i contributori alla ricostruzione afgana. “E' vero che ci sono problemi, in particolare legati alla sicurezza, ma bisogna tenere conto che la sede di Kabul rappresenterebbe un nuovo passo verso l''afghanizzazione’”, ha ribadito il Sottosegretario Mantica.

A Bruxelles non si è discusso solo di Afghanistan. Il Consiglio, tra gli altri provvedimenti, ha adottato una direttiva, valida fino alla fine del 2012, che richiede agli Stati membri di mantenere delle scorte minime di petrolio così da assicurare la disponibilità di greggio nel caso di una crisi: 90 giorni per il petrolio grezzo al netto delle importazioni, 60 per quello da consumare e 30 per i prodotti raffinati.

La Commissione ha poi ricevuto mandato di trovare un accordo di cooperazione con l’India per quanto concerne lo sviluppo dell’energia nucleare a scopi civili.

Approvato anche un programma di supporto alla cooperazione tra l’industria cinematografica dei Paesi UE e quella dei Paesi extracomunitari. Il programma “Media Mundus”, con un budget di 15 milioni di euro per il periodo 2011-2013, servirà a promuovere i film europei all’estero e i quelli degli altri Paesi sugli schermi europei.

Luogo:

Roma

9469
 Valuta questo sito