Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Onu: verso la riforma della governance ambientale

Data:

26/10/2009


Onu: verso la riforma della governance ambientale

Con l’obiettivo di far avanzare il processo di riforma della governance ambientale dell’Onu si riunisce a Roma il Gruppo dell’IEG presieduto dal Ministro dell’Ambiante e la tutela del territorio e del mare, Stefania Prestigiacomo e co-presieduto dal Ministro dell’Ambiente e delle risorse minerarie del Kenya, John Njoroge Michuki. La governance ambientale gestita dall’UNEP, United Nations Environment Programme, e’ attualmente frammentata e richiede regole e organismi all’altezza della complessita’ dei problemi da affrontare.

Il processo di riforma , lanciato nel 2002 con il pacchetto di Cartagena che riguardava il ruolo e la struttura dell’UNEP nel più ampio sistema delle Nazioni Unite, prevede, tra le varie opzioni, il rafforzamento delle strutture già esistenti, oppure la trasformazione dell’UNEP in un’agenzia specializzata sul modello FAO o WTO. Il processo dovrebbe poi riflettersi in una risoluzione dell’Assemblea Generale dell’ONU, passando attraverso il Consiglio d’Amministrazione UNEP del febbraio 2010. L’UNEP è stato istituito nel 1972 come organismo istituzionale cui è attribuito il fine generale della tutela ambientale e dell'utilizzo sostenibile delle risorse naturali, nel quadro del complesso sistema organizzativo delle Nazioni Unite: suo quartier generale è a Nairobi, in Kenia. L’UNEP opera in coordinamento con gli altri Programmi e Agenzie delle Nazioni Unite, con le altre Organizzazioni internazionali, con gli Stati nazionali, con le Ong con gli esponenti del settore privato e della societa’ civile. Le funzioni principali di UNEP riguardano: la realizzazione di studi volti a monitorare le condizioni ambientali a livello nazionale, regionale (su scala continentale) e globale; lo sviluppo di strumenti per la tutela delle risorse naturali e paesaggistiche; il rafforzamento delle istituzioni per una corretta gestione delle fonti energetiche; il trasferimento di conoscenze e tecnologie nell'ambito dello sviluppo sostenibile; l’attivazione di partenariati tra le autorità pubbliche, il settore privato e la società civile.

La prima riunione dell’IEG si era tenuta a Belgrado nel giugno scorso. All’evento parteciperanno circa 140 delegati da 45 paesi.

Luogo:

روما،

9644
 Valuta questo sito