Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Afghanistan: missione dell’inviato speciale del Ministro Frattini, Amb. Massimo Iannucci, per valorizzare l’azione politica e di cooperazione italiana

Data:

05/11/2009


Afghanistan: missione dell’inviato speciale del Ministro Frattini, Amb. Massimo Iannucci, per valorizzare l’azione politica e di cooperazione italiana

Valorizzare l'azione politica e di cooperazione svolta dall’Italia in Afghanistan. E’ stato questo l’obiettivo della missione nel Paese dell’Inviato Speciale del Ministro Franco Frattini per l’Afghanistan e il Pakistan, Ambasciatore Attilio Massimo Iannucci, Direttore Generale per i Paesi dell'Asia e dell'Oceania, insieme con i giornalisti del Tg1 Duilio Giammaria ed Enrico Bellano.

A Kabul, dove in raccordo con l'Ambasciata opera una Unità Tecnica Locale della Cooperazione italiana, l'Ambasciatore Iannucci ha visitato alcune delle principali realizzazioni italiane, tra cui l'Ospedale di Esteqlal, il National Legal Training Center, il carcere femminile e il centro correzionale per minori.

Il contributo dell’Italia alla stabilizzazione del Paese e alla ricostruzione del suo tessuto civile, sociale ed economico, si è tradotto in significativi interventi realizzati dalla Cooperazione italiana e dalla società civile italiana in diversi settori, da quello sanitario a quello dell’istruzione, dall’institution-building alle infrastrutture, alla riforma del sistema della giustizia, con grande apprezzamento delle istituzioni afghane e, soprattutto, della popolazione locale.

Nella Regione Occidentale, sotto comando italiano, e in particolare a Herat, si concentra maggiormente la speranza di sviluppo economico del Paese, che potrebbe essere rilanciato dall'avvio di grandi progetti infrastrutturali e dal sostegno all’agricoltura per favorire l'espansione di colture alternative all’oppio. A Herat è in funzione un ufficio della Cooperazione italiana che coordina le attività dei progetti di emergenza e che opera in raccordo con il PRT a guida italiana.


Luogo:

Roma

9680
 Valuta questo sito