Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cinema: il Ministro Frattini apre il workshop ‘Eurimages e l’Italia’, il prodotto italiano sta migliorando

Data:

20/11/2009


Cinema: il Ministro Frattini apre il workshop ‘Eurimages e l’Italia’, il prodotto italiano sta migliorando

Il cinema italiano non è malato “perché produce nuovi film”, in ogni caso “si sta curando”. Così il Ministro Frattini ha aperto, in videoconferenza, il primo workshop 'Eurimages e l'Italia' che si è svolto il 19 novembre alla Farnesina. Il MAE è “il soggetto che anima” il contributo italiano al fondo Euroimages, con la missione di “internazionalizzare la nostra cultura”, ha sottolineato il Ministro, un obiettivo che “aiuterà l’Italia a fare sistema all’estero”. Il patrimonio culturale dell’Italia “è inestimabile, il biglietto da visita per i nostri partner internazionali che ci fa apparire un Paese solido nella difesa della propria identità”, ha aggiunto il Ministro.

Il workshop, sostenuto dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e dalla fondazione Roberto Rossellini, ha avuto come scopo di suggerire ai produttori italiani come accedere ai fondi europei dell'Euroimages e migliorare le coproduzioni tra l'Italia ed Europa. Creato nel 1989, Euroimages è il fondo del Consiglio europeo per l'aiuto alla coproduzione, alla distribuzione e all'uso di opere cinematografiche europee.

Presenti al workshop, tra gli altri, il Direttore Generale per il Cinema del MIBAC Gaetano Blandini, il Presidente della Fondazione Rossellini per l'audiovisivo Francesco Gesualdi, il Direttore Esecutivo Eurimages Roberto Olla e il Presidente di Cinecittà Luce Roberto Cicutto. ''Purtroppo l'Italia presenta alla commissione Eurimages pochi progetti e, spesso, anche male - ha detto Blandini -. Per incentivare a migliorare le nostre proposte, dal gennaio 2010 ci sarà un vantaggio per quanti vorranno sostenere un fondo di garanzia per Eurimages. Questi avranno un percorso preferenziale su un possibile finanziamento da parte del ministero'', ha concluso Blandini.

''Da metà dicembre - ha spiegato Gesualdi - ci sarà uno sportello Cinema a disposizione di tutti gli operatori per sapere come accedere a contributi e a crediti''. ''Lo scopo e' inserire il cinema italiano nei mercati anglofoni e francofoni, oltre in America Latina - ha detto il Direttore Generale per l'Europa del MAE Mario Salvatore Bova – Eurimages è una grande opportunità per l'internazionalizzazione del nostro cinema''.


Luogo:

Roma

9754
 Valuta questo sito