Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Iraq: dialogo Roma-Baghdad per consolidare Cooperazione e Partenariato

Data:

14/12/2009


Italia-Iraq: dialogo Roma-Baghdad per consolidare Cooperazione e Partenariato

Il Ministro Franco Frattini ed il suo collega iracheno Hoshyar Zebari presiedono la Commissione Mista Italia-Iraq che si svolgera’ alla Farnesina oggi, 14 dicembre, con il principale obiettivo di consolidare ulteriormente le gia’ eccellenti relazioni bilaterali tra Roma e Baghdad, arricchitesi recentemente dall’entrata in vigore , lo scorso luglio, del Trattato di Amicizia, Cooperazione e Partenariato firmato nel 2007.

La Commissione Mista, che rappresenta il primo seguito operativo dell’entrata in vigore del Trattato di Amicizia, intende consolidare un rapporto con Baghdad basato su tre pilastri fondamentali: il dialogo politico tra i due governi per sostenere Baghdad nel raggiungere,il prima possibile, lo status di attore autonomo nella regione e al tempo stesso far diventare strutturale la partecipazione italiana e delle imprese made in Italy alla ricostruzione del Paese. Il secondo pilastro riguarderà le numerose iniziative di capacity building, dettate anche da richieste irachene, che mirano a rafforzare l’architettura dello Stato, la riconciliazione nazionale, la formazione dei funzionari statali. Il terzo pilastro riguarda un’azione, come le altre già in corso, per il reddito d’aiuto: 400 milioni di euro per superare, d’intesa con gli iracheni, gli ostacoli che tuttora impediscono lo sviluppo economico del Paese.

Nelle ‘’agreed minutes’’ della Commissione Mista saranno menzionati i settori dell’energia, della difesa, della sanità, dell’industria manifatturiera, delle infrastrutture e dei trasporti, dell’agricoltura, delle comunicazioni, dell’information technology e dei servizi, insieme con le iniziative da parte di varie istituzioni, a livello sia statale sia regionale, in materia di promozione degli investimenti, istruzione, cooperazione culturale e cooperazione allo sviluppo. Saranno firmati anche l’Accordo bilaterale per la Promozione e la Protezione degli Investimenti ed un Protocollo esecutivo di cooperazione culturale.

L’Italia e’ oggi tra i primissimi partner economici dell’Iraq, il primo tra i Paesi Ue non soltanto perché e’ il secondo importatore di greggio dopo gli Stati Uniti, ma anche perché si assiste ad una forte ripresa delle esportazioni più che quintuplicate dal 2007 al 2009. Sull’export italiano incidono gli effetti degli importanti contratti conclusi, resi operativi o in corso di trattativa, tra il 2006 ed il 2009, relativi principalmente ai settori degli idrocarburi, dei trasporti, della difesa, dell’agro-alimentare, delle risorse idriche, dei lavori pubblici e delle piccole e medie imprese. L’import e’ quasi interamente trainato dagli idrocarburi: l’Italia resta il principale cliente dell’Iraq, dopo gli Stati Uniti, con una costante crescita cominciata nel 2006 e mitigata, in valore, nel 2009 a causa del calo del prezzo del greggio, e della riduzione, seppur limitata,della domanda

La Commissione mista rappresenta un’importante occasione per attenuare il forte divario esistente tra i due Paesi tra import ed export, dando ulteriore slancio alle relazioni economiche, agevolando i contatti della business community italiana con le opportunità di investimento che offre il mercato iracheno. Il programma della Commissione, infatti, oltre ad una sessione plenaria con la partecipazione di rappresentanti istituzionali e dell’imprenditoria, prevede incontri della delegazione irachena con la Confindustria e con le Commissione Esteri di Camera e Senato.


Luogo:

Rome

9855
 Valuta questo sito