Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La missione del Ministro Frattini in Africa: intesa a Nairobi su base aerospaziale

Data:

14/01/2010


La missione del Ministro Frattini in Africa: intesa a Nairobi su base aerospaziale

La lotta alla pirateria, la strategia verso la Somalia(‘’presto – ha detto il Ministro Frattini – una conferenza internazionale a Roma’’) i rapporti bilaterali anche per l’importante presenza di imprese italiane, la collaborazione in campo aerospaziale sono stati i temi al centro della visita del Ministro Franco Frattini in Kenia, quarta tappa della sua missione in Africa. Il Ministro ha avuto colloqui con il Presidente Mwai Kibaki (kikuyu, etnia maggioritaria), con il Primo Ministro Raila Odinga (luo, seconda etnia del Paese), con il collega degli Esteri, Moses Wetangula e con il Presidente somalo Sheik Sharif.

Il Kenya fa parte del gruppo di contatto creato quest'anno dalle Nazioni Unite per il contrasto alla pirateria al largo delle coste somale ed è a Nairobi - aiutata dalla comunità internazionale a rafforzare il sistema giudiziario - che vengono processati i pirati catturati. Attualmente l’Italia ha il comando dell'Operazione Atalanta, missione navale dell'Ue a sostegno della sicurezza marittima nel Corno d'Africa.

Il Ministro Frattini ha annunciato, al termine dell’incontro con il presidente somalo Sheikh Sharif Ahmed,una conferenza internazionale a Roma sul futuro della Somalia. "Una conferenza organizzata in Italia sarebbe seria ed efficace se vi fosse la disponibilità dei donatori ad onorare gli impegni presi anche in termini di sicurezza", ha spiegato Il Ministro rispondendo a una domanda sui tempi in cui la conferenza potrebbe tenersi."Parleremo immediatamente con la presidenza spagnola dell'Unione Europea - ha sottolineato - affinché si possano avere garanzie, perché non possiamo dare illusioni alla Somalia e ritrovarci dopo un anno con Paesi che non hanno mantenuto gli impegni presi".Il Ministro Frattini ha anche annunciato che sono iniziate le "verifiche tecniche" per "individuare una località appropriata per riaprire l'ambasciata d'Italia a Mogadiscio

Tra Italia e Kenya ci sono anche importanti rapporti di cooperazione e di interscambio economico con un'alta presenza di imprese italiane. Negli ultimi 25 anni il Kenya ha usufruito di 160 milioni di euro a dono e di 50 milioni a credito d'aiuto.

Il Ministro Frattini ha annunciato, a questo proposito che l’Italia sta valutando positivamente la concessione di un prestito agevolato di 3,5 miliardi di scellini(33 milioni di euro) per opere idrauliche a beneficio di circa 150 mila abitanti. Gli esperti della Cooperazione italiana insieme con il governo e le autorita’ locali hano gia’ avviato due studi di valutazione e si prevede – ha spiegato il Ministro – che il processo di approvazione dovrebbe essere finalizzato entro il prossimo mese. Tra i punti chiave dei rapporti tra Roma e Nairobi, anche la collaborazione in campo aerospaziale. E’ stata, infatti, raggiunta l’intesa tra il Ministro Frattini ed i Ministri kenyani della Difesa YussufHaji e degli Esteri Moses Wetangula per prolungare l’accordo attualmente in vigore sulla concessione e l’uso della Base di lancio e controllo di Satelliti San Marco/Malindi, gestita dall’Agenzia Spaziale e per l’avvio dei negoziati in vista di un nuovo accordo. "Siamo soddisfatti della firma del documento sulla base di Malindi - ha commentato il Ministro Frattini-, stiamo iniziando la rinegoziazione dell'accordo siglato nel 1995 e che scade nel marzo 2010". "Il nostro comune obiettivo - ha spiegato il Ministro - è di avere maggiore corresponsabilità, una gestione congiunta della Base". Anche perché, ha aggiunto, "non si tratta solo di una tipica e tradizionale attività satellitare e spaziale, ma useremo questa tecnologia per far fronte ai cambiamenti climatici e ai fattori di rischio per l'ambiente".Tutto questo, ha precisato " sarà contenuto nel nuovo accordo su cui stiamo lavorando". Le proposte italiane, che saranno discusse nel corso del negoziato, si concentrano su alcuni punti principali, tra i quali il potenziamento delle attività, il prolungamento della durata del contratto, l'ampliamento delle superfici aeree e marittime.


Luogo:

روما،

9937
 Valuta questo sito