Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

CAGRE: il programma della Presidenza spagnola

Data:

27/01/2010


CAGRE: il programma della Presidenza spagnola

Il Consiglio Affari Generali e Relazioni Esterne, riunitosi a Bruxelles il 25 gennaio scorso, ha ascoltato la relazione del Ministro Miguel Angel Moratinos sul programma della Presidenza spagnola. Le priorità sono: piena implementazione del Trattato di Lisbona; promozione della ripresa economica e della crescita sostenibile, lanciando la “Strategia UE 2020 per la crescita e l’occupazione”; rafforzare la politica estera dell’Unione Europea, per renderla un vero attore globale; promuovere un’Europa dei diritti e delle libertà per i propri cittadini. Per l’Italia ha partecipato il Sottosegretario Alfredo Mantica.

E’ stato deciso inoltre di inoltrare al Parlamento la bozza di accordo con gli Stati Uniti che prevede il trasferimento di informazioni di carattere finanziario dall’UE nell’ambito di un programma di contrasto al finanziamento di attività terroristiche.

Il Consiglio Affari Esteri (FAC), presieduto dall’Alto Rappresentante, Catherine Ashton, ha discusso del coordinamento europeo per Haiti. In aggiunta agli aiuti umanitari inviati immediatamente, è stato deciso che gli Stati membri forniscano 300 unità di polizia per rinforzare la ‘UN Stabilisation Mission in Haiti’ (MINUSTAH). A Bruxelles, inoltre, sarà costituito un centro – EUCO Haiti – per coordinare gli aiuti in risposta alle esigenze dell’ONU: l’obiettivo è massimizzare l’efficienza e la velocità degli interventi europei, evitando sovrapposizioni.

Somalia: sarà avviata un’operazione di addestramento, in Uganda, delle forze di sicurezza del Governo Federale Transitorio. L’obiettivo è partire nella primavera 2010.

Per quanto riguarda la Bosnia Erzegovina, l’Unione provvederà alla capacity building nell’ambito della missione EUFOR ALTHEA. Inoltre, il mandato esecutivo dell’EUFOR può proseguire in accordo con la risoluzione ONU 1895 e si sottolinea la disponibilità a mantenere un ruolo militare esecutivo anche oltre il 2010.


Luogo:

Rome

9985
 Valuta questo sito