Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Mantica: al via la ristrutturazione della rete consolare

Data:

23/02/2010


Mantica: al via la ristrutturazione della rete consolare

Dal primo giugno 2010 partirà il processo di razionalizzazione della rete diplomatica italiana all'estero: chiuderanno le sedi consolari di Mulhouse, in Francia, di Gent in Belgio, di Coira, in Svizzera e di Saarbrucken e Norimberga in Germania. Lo ha annunciato oggi, riferendo alla Commissioni Esteri di Camera e Senato, il Sottosegretario Alfredo Mantica, evidenziando però che il MAE sta definendo i “modi per restare sul territorio a fronte della chiusura”.

Mantica ha spiegato come, per gran parte delle sedi destinate alla chiusura, si provvederà alla collocazione di un console onorario, di sportelli o di agenzie consolari “asciutte, dotate cioè di due funzionari”, come nel caso di Saarbrucken, dove sono in corso trattative con il governo locale.

Nel secondo semestre del 2010 saranno coinvolte anche le sedi di Mannheim e Amburgo, dove però il MAE potrebbe mantenere “un consolato onorario per le attività portuali”. Mantica ha anche ricordato come, per i tagli ai quattro consolati in Australia, “ci siano più perplessità” e si stanno valutando ipotesi alternative come quella di spostare gli uffici da sedi prestigiose, in centro città, a zone più periferiche e meno costose.

Il Sottosegretario ha quindi ricordato alla Commissione come i tagli operati dal Governo vadano di pari passo con gli investimenti, in particolare quelli legati all'installazione, entro il 2011, di sportelli informativi polifunzionali in tutti i consolati in Europa. “Dove - ha puntualizzato Mantica - intendiamo mantenere rapporti bilaterali con tutti i Paesi nonostante il processo di integrazione dell'Unione Europea”.


Luogo:

Roma

10072
 Valuta questo sito