Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Cooperazione: un viaggio in Africa per promuovere la salute di donne e bambini

Data:

04/03/2010


Cooperazione: un viaggio in Africa per promuovere la salute di donne e bambini

Un viaggio di cinque mesi attraverso ventisette paesi africani per promuovere la salute delle donne e dei loro figli e prevenire e curare alcune delle principali malattie che affliggono il continente. E’ l’obiettivo di Overland 12, una spedizione partita il tre gennaio grazie alla collaborazione della Cooperazione Italiana, insieme con Gazpromneft Lubricants Italia spa e l’Università di Parma. L’itinerario prevede la discesa dal Marocco al Sudafrica lungo la costa atlantica, per poi risalire verso l’Egitto attraverso l’Africa centrale ed orientale.

Il team, integrato dal personale della Cooperazione italiana e dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria – Università di Parma, sta portando assistenza alle strutture sanitarie visitate durante il percorso. A Tangeri ha partecipato alla premiazione di un gruppo di ragazzi diabetici; successivamente ha visitato i bambini talassemici dell’Hopital d’Enfant di Rabat. In Sierra Leone si è recato alla Fondazione don Gnocchi di Makeni, ed è stato poi ricevuto da uno dei protagonisti degli accordi di pace del 2003, il vescovo italiano Monsignor Biguzzi. In Ghana la spedizione è stata accolta dal Viceconsole Onorario, Ramella, che ha messo a disposizione un aereo del servizio di assistenza medica.

Si sta inoltre svolgendo una campagna di sensibilizzazione socio-sanitaria presso le popolazioni locali. L’intervento della Cooperazione italiana intende analizzare le cause principali dell’alta incidenza della mortalità materna e delle principali malattie infettive in Africa subsahariana.

Finora sono stati percorsi circa 10.000 chilometri attraverso la Guinea, la Sierra Leone, la Liberia e la Costa d’Avorio, passando per i tracciati desertici del Marocco, della Mauritania e del Mali. Con l’arrivo ad Accra, dopo quaranta giorni di viaggio, termina la prima fase della spedizione: una parte del team viene sostituita dal nuovo equipaggio appena arrivato dall’Italia.


Luogo:

Rome

10101
 Valuta questo sito