Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Haiti: ONU, Conferenza dei donatori per la ricostruzione

Data:

31/03/2010


Haiti: ONU, Conferenza dei donatori per la ricostruzione

La ricostruzione di Haiti torna sotto i riflettori delle Nazioni Unite: con l'obiettivo di raccogliere 3,9 miliardi di dollari nei prossimi due anni. Oggi New York si terrà una Conferenza dei donatori per rimettere in piedi il Paese caraibico colpito dal terremoto che lo scorso 12 gennaio ha provocato 222.570 morti e danni per circa 8 miliardi di dollari. La conferenza si propone anche di creare le condizioni per una strategia di aiuto a lungo termine per i prossimi 10 anni: il costo stimato per completare il piano nazionale di ricostruzione della regione è di 10 miliardi di euro. E la ricostruzione di Haiti è stata anche tra i temi di confronto al G8 Esteri di Ottawa, nel corso del quale l'Alto Rappresentante per la politica estera della UE, Catherine Ashton ha espresso apprezzamento per il ruolo dell'Italia e il suo approccio integrato di risposta alle emergenze e di organizzazione degli aiuti.

La Conferenza di New York, a cui parteciperanno 136 Paesi, sarà guidata dall'ONU e dagli Stati Uniti con la partecipazione del governo haitiano, e co-presieduta da Brasile, Canada, Francia, Spagna e Unione europea. Quest'ultima si è impegnata a contribuire con oltre 1,2 miliardi di euro. Per l’Italia sarà presente l’Ambasciatore Cesare Maria Ragaglini, Rappresentante permanente presso l’ONU. Apriranno i lavori il Segretario Generale dell'ONU, Ban Ki-moon, il Segretario di Stato Usa, Hillary Clinton e il Presidente Préval, che presenterà un piano per la ricostruzione, secondo cui sono necessari 3,9 miliardi per un primo periodo di 18 mesi. Il Governo di Port-au-Prince prevede che le risorse necessarie sul lungo termine, nell'arco dei prossimi dieci anni, ammontino a 11,5 miliardi di dollari.

A Ottawa intanto i Ministri degli Esteri del G8 hanno sottolineato l'esigenza di un più stretto e strutturato coordinamento tra i Paesi donatori. E pur riconoscendo la generosità nel sostegno ad Haiti nel post terremoto, hanno rilevato che in alcuni casi c'è stata confusione.


Luogo:

roma

10200
 Valuta questo sito