Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La "vigna della pace": la vendemmia del 2009 dedicata al Medio Oriente

Data:

12/05/2010


La

Ventiquattro studenti e studentesse provenienti dal Caucaso del Sud, dalla Federazione Russa, dai Balcani, dal Medio Oriente, dalla Sierra Leone nei vigneti di San Piero in Barca a Castelnuovo Berardenga, in provincia di Siena, hanno curato e seguito tutti i momenti che richiede la vendemmia fino alla produzione del vino, un Igt toscano, dedicato alla pace, al dialogo tra i popoli. Tante mani, quante sono le bandiere dei paesi rappresentati per simboleggiare la "vigna della pace".

L’Ice con il suo Presidente, l’Ambasciatore Umberto Vattani, e l’associazione "Rondine", che ne è promotrice, hanno fatto conoscere questa realtà a quaranta diplomatici della Farnesina guidati dal capo dell’Istituto diplomatico, Emanuela D’Alessandro, nell’ambito della rassegna internazionale dell’agroalimentare "Cibus" che si svolge a Parma.

La vendemmia è uno dei laboratori di formazione al dialogo attivati alla "Cittadella della pace" anche grazie a borse di studio erogate dal Ministero degli Esteri e da sostenitori pubblici e privati, come il Consorzio Agrario di Siena partner nella realizzazione del vino della "vigna della pace". Studenti e studentesse provenienti da paesi in conflitto convivono e studiano, sperimentando una quotidianità fatta di confronti, dibattiti ed esperienze di lavoro realizzate con la collaborazione di "imprenditori per la pace", associazione formatasi nel 2008 che mette la propria esperienza a disposizione della "Cittadella", nella convinzione che lo sviluppo abbia bisogno della pace.

"Mai come oggi è importante – ha sottolineato l’ambasciatore Vattani – superare gli steccati creati dai conflitti e dalle tensioni etniche e religiose". Nessun simbolo potrebbe essere più appropriato di quello coltivato e prodotto dai ragazzi nella "Vigna della Pace", nella quale hanno lavorato giovani "che potrebbero invece impugnare le armi", come ha ricordato il presidente dell’Associazione "Rondine", Franco Vaccari.


Luogo:

Rome

10355
 Valuta questo sito