Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

In Brasile la prima “ambasciata verde” italiana

Data:

03/06/2010


In Brasile la prima “ambasciata verde” italiana

Nasce in Brasile la prima “ambasciata verde” della rete diplomatica italiana. Nel quadro delle iniziative varate dal MAE in favore dell’ambiente, in collaborazione con Enel Green Power, è stato installato sul tetto dell'Ambasciata d'Italia in Brasilia un primo lotto di 405 pannelli fotovoltaici. Nell'arco dei prossimi quattro mesi verrà completata l'installazione dei pannelli e saranno effettuati i collegamenti con l'impianto elettrico dell'Ambasciata e con la rete di distribuzione della città di Brasilia.

Entro la fine dell'anno si prevede che la produzione di energia fotovoltaica raggiunga i 50 chilowatt, in modo da supplire in buona parte al fabbisogno dell'Ambasciata. La prospettiva è di rendere l'Ambasciata stessa completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.

L’ente nazionale brasiliano per l’energia elettrica (ANEEL) segue con grande interesse la realizzazione del progetto, che costituisce un’iniziativa pilota per verificare le grandi potenzialità di impiego di sistemi di produzione di energia fotovoltaica distribuita. Per questo l’ANEEL ha dato il proprio assenso di massima ad assorbire il surplus di produzione di elettricità delle ore diurne, fornendo in cambio una identica quantità di energia nelle ore di scarsa o nulla irradiazione solare.

Il progetto “Ambasciata Verde” risponde da un lato alle esigenze di una più oculata ed efficiente gestione della cosa pubblica, in un’ottica di contenimento della spesa. Dall’altro, consente di sperimentare sul terreno le tecnologie più avanzate per l'utilizzo di una fonte di energia rinnovabile a emissione zero di cui il Brasile dispone in abbondanza.


Luogo:

Rome

10437
 Valuta questo sito