Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Ministeriale InCE: rafforzare l’iniziativa nel quadro dell’integrazione europea

Data:

15/06/2010


Ministeriale InCE: rafforzare l’iniziativa nel quadro dell’integrazione europea

Una riflessione sul tema della cooperazione regionale nel contesto dell’integrazione europea. E’ uno dei temi al centro della Riunione dei Ministri degli Esteri dei Paesi dell’Iniziativa Centro Europea (InCE) il 15 giugno a Budva, nell’ambito della Presidenza del Montenegro.

E’ prevista inoltre l’adozione delle Raccomandazioni sul rafforzamento dell’InCE, formulate dal gruppo di esperti internazionale guidato dall’On. Roberto Antonione (Presidente della delegazione parlamentare italiana presso l’InCE), come il rafforzamento e la semplificazione dell’azione dell’Iniziativa, l’approfondimento dei rapporti con l’Unione Europea, possibili forme di finanziamento integrativo e visibilità dell’Iniziativa.

Il Montenegro ha identificato l’azione della propria Presidenza InCE nel binomio cooperazione regionale-integrazione europea, per sottolineare ai Paesi dei Balcani occidentali, il valore aggiunto che l’Iniziativa offre nel percorso di integrazione nell’Unione Europea. In tale prospettiva, l’InCE è vista come foro collettore di proposte dei Paesi membri in favore di forme di cooperazione transfrontaliera rafforzate in aree prioritarie quali trasporti, ambiente, energia ed investimenti.

Dal punto di vista italiano, l’emergere di nuove dimensioni regionali nel quadro dell’Unione Europea, in particolare per l’InCE quelle danubiana e adriatico-ionica, rende appropriato cercare di definire ruolo e ambito d’azione dell’InCE, arricchendo la tradizionale politica di appoggio al percorso di integrazione nell’Unione Europea dei Balcani occidentali e a politiche a favore di Paesi del "Partenariato Orientale". La definizione di una nuova strategia per l’InCE dovrebbe quindi tenere in considerazione anche gli specifici interessi dell???area adriatica e dei Balcani Occidentali attraverso un maggiore coordinamento con l’Iniziativa Adriatico Ionica (IAI).

Le Raccomandazioni del gruppo guidato dall’On. Antonione su un rafforzamento dell’InCE disegnano un percorso di rilancio dell’Iniziativa che potrà tradursi anche in forme di collaborazione e partenariato più strette con la Commissione di Bruxelles, la Regione Friuli-Venezia Giulia, il Polo scientifico di Trieste e il settore privato a beneficio di un rilancio dell’InCE.


Luogo:

Roma

10482
 Valuta questo sito