Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Niger: missione Boniver per valutare la situazione umanitaria

Data:

15/06/2010


Niger: missione Boniver per valutare la situazione umanitaria

Valutare di persona la situazione umanitaria e le necessità di uno tra i Paesi più poveri del mondo, in cui la Cooperazione italiana è impegnata in vari settori, soprattutto lo sviluppo agroalimentare e sanitario. E’ l’obiettivo della missione in Niger di Margherita Boniver, in qualità di inviato speciale del Ministro Franco Frattini per le emergenze umanitarie e le situazioni di vulnerabilità.

La missione, in programma dal 15 al 17 giugno, che arriva pochi giorni dopo la visita del Commissario europeo per la cooperazione internazionale, Kristalina Georgieva, prevede mercoledì una tappa a Tahoua, nel centro del Paese, per visionare i siti dove vengono distribuiti gli alimenti, e a Keita, nel Sahel, dove la Cooperazione italiana finanzia un progetto di sviluppo. Giovedì è previsto l’incontro con i vertici della giunta militare al potere dallo scorso febbraio.

Dopo la gravissima crisi del 2005, causata dalla siccità e dall’invasione di locuste e che ha interessato 2 milioni e mezzo di persone, la situazione alimentare rimane grave, con milioni di persone a rischio soprattutto nelle regioni orientali del Paese interessate dall’alluvione del 2009. Tale situazione ha compromesso le capacità di ripresa economica ed il Niger rimane tra i Paesi più poveri al mondo, all’ultimo posto nell’ultimo Rapporto Mondiale sullo Sviluppo Umano.

Il Niger ha beneficiato della cancellazione di gran parte del suo debito estero, di consistenti aiuti umanitari e di progetti di cooperazione sociale ed economica. Nonostante ciò, il Governo non è riuscito ancora a creare un solido apparato produttivo, se non quello legato all’estrazione dei minerali come uranio, oro, fosfati e petrolio ad opera di diverse multinazionali.

L’aiuto alimentare internazionale rappresenta un sostegno fondamentale, data la debolezza strutturale del sistema produttivo e le ricorrenti siccità. Il sistema economico si basa in effetti sui proventi derivanti dall’esportazione di uranio, di cui il Niger è il terzo produttore mondiale e che costituisce la principale risorsa del Paese.

La missione dell’On. Boniver rappresenta inoltre un’occasione per un ripresa di contatto con le Autorità nigerine a seguito della recente riavvio delle consultazioni politiche con l’Unione Europea, interrottesi all’indomani del colpo di Stato del 18 febbraio scorso. Sono previsti incontri con le più alte Autorità nigerine: il Capo dello Stato, Gen. C.A. Salou Djibo, il Primo Ministro Mahamadou Danda, il Ministro degli Affari Esteri Sig.ra Touré Aminatou Maïga e il Ministro dell’Ambiente e della Lotta alla desertificazione, Gen. Abdou Kaza.


Luogo:

Roma

10483
 Valuta questo sito