Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Kosovo: Frattini, Serbia ha confermato sua vocazione europea

Data:

14/09/2010


Kosovo: Frattini, Serbia ha confermato sua vocazione europea

La Serbia ha "confermato la sua vocazione europea" che va ora riconosciuta inoltrando "al più presto" la domanda di adesione alla Commissione europea. Lo ha detto il Ministro Franco Frattini, al termine di un incontro alla Farnesina con il collega serbo Vuk Jeremic, facendo riferimento all'adozione della risoluzione Onu sul Kosovo, cosponsorizzata da tutti i paesi della UE, per un dialogo diretto tra Belgrado e Pristina.

Frattini ha riconosciuto "l'atteggiamento flessibile strategico adottato da Belgrado che ha deciso di dare priorità alle prospettive europee del paese, nonostante un tema così sentito dal punto di vista nazionale come quello del Kosovo". Questo ribadisce, secondo Frattini, "la vocazione europea del presidente Tadic". Per questo, ha aggiunto il Ministro, "ci saremmo aspettati che all'ultimo Consiglio dei Ministri UE la proposta di inoltrare la domanda di adesione della Serbia alla Commissione fosse sul tavolo, ma purtroppo non è accaduto". L'auspicio del Ministro è quindi che ora "l'Europa adotti questa decisione politica il prima possibile, entro ottobre", quando si riunirà il Consiglio dei Ministri degli Affari esteri europei.

Sottolineando che l'Italia è "il migliore amico che la Serbia ha in Europa", Frattini ha ricordato anche il vertice intergovernativo italo-serbo che si riunirà ad ottobre a Belgrado. Un vertice sul quale si è soffermato a lungo anche Jeremic, spiegando che sarà incentrato sui temi dell'economia e della sicurezza e punterà alla "collaborazione nella lotta alla criminalità organizzata da un lato e agli scambi economici dall'altro". Durante il vertice ci sarà anche un incontro tra gli imprenditori dei due paesi. "L'Italia - ha concluso - è uno dei nostri partner chiave nel mondo ed è sempre stato uno dei maggiori sostenitori, in modo inequivocabile, delle aspirazioni europee del nostro paese".


Luogo:

Roma

10725
 Valuta questo sito