Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Consiglio Europeo: il futuro dell’UE come attore globale

Data:

16/09/2010


Consiglio Europeo: il futuro dell’UE come attore globale

La proiezione internazionale dell’Unione Europea, il rapporto con i partner strategici e la governance economica saranno al centro del Consiglio Europeo del 16 settembre, che per la prima volta dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona prevede anche la partecipazione dei Ministri degli Esteri.

Un’attenzione particolare del Consiglio sarà riservata alla Cina, nella prospettiva del vertice UE-Cina del 6 ottobre. Gli interessi europei, infatti, sono diversificati e spaziano in molti settori: dall’economico finanziario, ai cambiamenti climatici, alla materia commerciale.

L’Italia punta anche a rilanciare lo sviluppo di una articolata politica di vicinato, soprattutto verso il Mediterraneo, nella consapevolezza che se l’Europa vuole contare di più come attore globale deve innanzitutto saper proiettare stabilità, prosperità e democrazia lungo le proprie frontiere. In tale contesto si avverte anche l’esigenza di dare contenuti al partenariato strategico con la Russia per definire una strategia di lungo periodo.

Allo stesso modo, l’Italia auspica il rafforzamento del profilo dell’Unione nei principali fori multilaterali e in particolare nell’ambito delle Nazioni Unite (Assemblea Generale e Consiglio di Sicurezza), in attuazione di quanto previsto dal Trattato di Lisbona.

Per quanto riguarda il rafforzamento della governance economica dell’Unione, l’Italia esprime apprezzamento per il lavoro svolto dalla task force presieduta dal Presidente Van Rompuy e per i progressi compiuti, manifestando allo stesso tempo l’esigenza di non forzare i tempi e proseguire la discussione in modo da concludere la riflessione per il Consiglio di fine ottobre.

La crisi in Pakistan sarà al centro di un confronto tra i Ministri degli Esteri, a cui parteciperà l’Alto Rappresentante Ashton: l’obiettivo sarà di individuare una strategia (comprensiva di indicazioni operative) a sostegno del Paese asiatico, in risposta alla catastrofe economica e sociale causata dalle recenti inondazioni.


Luogo:

روما

10731
 Valuta questo sito