Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Vertice Europa-Asia tra governance economica e cambiamento climatico

Data:

04/10/2010


Vertice Europa-Asia tra governance economica e cambiamento climatico

Tematiche di interesse globale all'ottavo vertice tra Europa e ASIA (ASEM), in programma lunedì 4 e martedì 5 ottobre a Bruxelles a cui prenderà parte anche il Ministro Franco Frattini. E' un vertice che rappresenta un'occasione per espandere e approfondire il dialogo tra Europa e Asia. I partecipanti rappresentano il 58% della popolazione mondiale e il 60% del commercio mondiale. Al centro del summit temi di interesse globale come la governance economica e finanziaria, il cambiamento climatico e tematiche di sicurezza regionale. Oltre ai 27 Paesi dell'Unione Europa e ai 16 Paesi asiatici, sarà presente per la prima volta anche il cosiddetto terzo gruppo, costituito da Russia, Australia e Nuova Zelanda.

L’Italia privilegia la prospettiva del multilateralismo con una governance economica e finanziaria che coinvolga sempre di più l'Asia. Non a caso Frattini interverrà nella prima sessione del vertice, dedicata all'esame di strategie più coerenti e condivise per affrontare e governare i cambiamenti strutturali dell'economia globale, anche nell'ottica di uno sviluppo sostenibile. All'ordine del giorno anche il miglioramento dell'accesso ai mercati, la rapida conclusione del Doha Round, la cooperazione tra Fondo monetario internazionale e G20 per rendere il sistema finanziario internazionale più trasparente, una regolamentazione internazionale per contenere la volatilità del valore delle valute. Su tutti questi temi l'Italia è in primo piano nel sollecitare il ruolo dell'ASEM.

Quello tra UE e Asia sarà il primo di tre vertici che dal 4 al 6 ottobre raduneranno a Bruxelles i principali dirigenti asiatici per un confronto a tutto campo sulla nuova governance economica e finanziaria, a meno di due mesi dal G20 di Seul. Dopo l'ASEM, seguiranno i vertici UE-Corea del sud e UE-Cina.

Le relazioni commerciali saranno al centro del vertice con la Corea del sud. Mercoledì sarà firmato ufficialmente l’accordo di libero scambio già formalizzato dai Ministri degli Esteri di Ue e Seul, due settimane fa. L'intesa dovrebbe portare per la Ue nuovi scambi di beni e servizi per 19,1 miliardi, contro i 12,8 miliardi per la Corea del Sud. La sua entrata in vigore è prevista, come imposto dall'Italia, il primo luglio del 2011. Con la Cina, l’Unione punterà a rilanciare i propri interessi strategici come la promozione del libero commercio e la protezione della proprietà intellettuale.


Luogo:

Roma

10793
 Valuta questo sito