Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

La comunità internazionale a consulto sul futuro dell’Afghanistan

Data:

14/10/2010


La comunità internazionale a consulto sul futuro dell’Afghanistan

Il processo di stabilizzazione in Afghanistan sarà al centro di una riunione degli Inviati Speciali per Afghanistan e Pakistan, convocata su impulso del Ministro Frattini il 18 ottobre a Roma (Villa Madama). E’ prevista la partecipazione di 46 alti rappresentanti (tra cui 17 europei) di tutti i Paesi e le organizzazioni internazionali maggiormente impegnate in Afghanistan, sul piano sia civile che della sicurezza. Saranno presenti anche il Ministro degli Esteri afgano Rassoul, il Comandante di ISAF Petraeus e per la prima volta l’Alto Rappresentante dell’Iran, il cui ruolo è essenziale per gli assetti regionali.

Tra i temi di discussione: il punto sul processo di stabilizzazione necessario per garantire democrazia e sviluppo alla popolazione afghana; la strategia della “transizione” sulla strada del Vertice di Lisbona, quindi una riflessione su come procede la politica di “afghanizzazione” per riconsegnare agli afghani il controllo del loro territorio e per mettere a punto strategie politiche che garantiscano stabilità dando seguito alla Conferenza di Kabul del luglio scorso; il ruolo dei Paesi vicini, condizione necessaria per il successo di quell’approccio regionale da sempre sostenuto dall’Italia; le novità nello sforzo civile che l’Italia compie per rafforzare l’institution building afghano.

La riunione di Villa Madama si iscrive nell’intensa attività diplomatica portata avanti dal Ministro Frattini per favorire un approccio regionale alla questione afgana e per incrementare il profilo civile dell’assistenza internazionale al Paese. A questo proposito, martedì 19 verrà inaugurato un corso di formazione in Italia, della durata di otto settimane (18 ottobre – 15 dicembre 2010), per 18 giovani funzionari afgani (tra cui otto donne): 16 diplomatici e 2 funzionari della Civil Service Commission. Il Ministro degli Affari Esteri Rassoul ha espressamente auspicato l’assistenza italiana per il rafforzamento delle istituzioni afghane, e la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (SSPA), in collaborazione con la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, l’Istituto Diplomatico e la Direzione Generale per i Paesi dell’Asia, sono stati incaricati dell’attuazione del progetto.

Il corso contempla lezioni e tavole rotonde sui temi dell’attualità internazionale e diplomatica, del sistema internazionale, dell’integrazione regionale (sull’esempio dell’Unione Europea), del modello italiano nei suoi vari aspetti politici, economici e culturali. Una componente del corso, svolta presso l’Istituto Diplomatico, è dedicata all’illustrazione, teorica e pratica, del funzionamento di un moderno Ministero degli Esteri.

Luogo:

Rome

10843
 Valuta questo sito